Nicoletta, la cagnolina che da 10 anni veglia la tomba del padrone
Nicoletta, la cagnolina che da 10 anni veglia la tomba del padrone
Cronaca

Nicoletta, la cagnolina che da 10 anni veglia la tomba del padrone

Fa il giro del Web la storia di Nicoletta, la cagnolina di 12 anni, che da quando il suo padrone è morto 10 anni fa passa le giornate sulla sua tomba.

Da oltre 10 anni veglia la tomba dove hanno seppellito il suo padrone, passando le sue giornate in un cimitero affacciato su mare. Questa è la storia di Nicoletta, un cane meticcio di 12 anni, che dal giorno in cui è venuto a mancare il suo padrone ha deciso di trasferirsi al cimitero della frazione di Panza, a Forio, Ischia. Una storia commuovente, che sta facendo il giro del web. Raccontata per la prima volta da Nicola, il custode del cimitero di Panza, che negli ultimi 10 anni ha accudito Nicoletta. Dandole da mangiare, facendole compagnia, e garantendole un posto riparato dal freddo dove dormire.

Intere giornate sulla tomba del padrone

Quando hanno portato al cimitero la salma del padrone, e la hanno seppellita, racconta Nicola, “Lei ha cominciato a girovagare tra le tombe del cimitero, riuscendo a riconoscere quella del suo padrone”. “Nicoletta è un tesoro”, prosegue il custode, “Un cane docile e sensibile, che resta per ore sulla tomba del suo amato padrone, cui è evidentemente rimasta affezzionata anche dopo la morte”.

“A me”, confida Nicola, “Sembra quasi un miracolo”.

L’appello su Facebook

Ora che la storia di Nicoletta è diventata di dominio pubblico, c’è chi cerca di aiutare il fedele animale che con il passare degli anni potrebbe avere bisogno di ricevere cure più attente. Per questo motivo, il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Borrelli, su Facebook invita “Turisti e residenti a prendersi cura di Nicoletta durante la sua vecchiaia, e non lasciarla sola, così come lei non ha lasciato solo chi l’ha tanto amata”. Possiamo solo augurarci che il suo appello non cada nel vuoto, e che Nicoletta possa trovare qualcuno che si prenda cura di lei.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche