Maltempo al sud, venti di burrasca e mareggiate | Notizie.it
Maltempo al sud, venti di burrasca e mareggiate
Cronaca

Maltempo al sud, venti di burrasca e mareggiate

vento e mareggiate

La Protezione Civile ha diramato un comunicato di allerta per possibili venti e mareggiate nelle regioni del sud Italia.

La Protezione Civile fa sapere che una nuova perturbazione, proveniente dall’Europa nord-orientale, sta raggiungendo l’Italia. Ad esserne colpite saranno principalmente le regioni meridionali, con venti forti almeno fino alla giornata di giovedì 14 febbraio. Sono previste anche mareggiate lungo le coste esposte.

Venti e mareggiate

Sulla base delle previsioni disponibili, la Protezione Civile, in accordo con le regioni coinvolte, ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. Stando a quanto comunicato, i fenomeni meteo, impattando su diverse aree del Paese, potrebbero determinare criticità idrogeologiche e idrauliche, come riportato nel bollettino nazionale di criticità e allerta, consultabile sul sito web www.protezionecivile.gov.it.

Dalla tarda serata di martedì 12 febbraio, sono previsti forti venti provenienti dai quadranti settentrionali. Le regioni maggiormente colpite, secondo la Protezione Civile saranno Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia. Prevista burrasca e forti mareggiate, in particolare lungo le coste esposte.

Allerta gialla in Sicilia

Il Dipartimento di Protezione Civile ha diramato un allerta gialla per rischio idrogeologico, per le giornate di martedì 12 e mercoledì 13 febbraio, nella Sicilia nord-orientale.

Il quadro rimane in costante aggiornamento, sulla base delle nuove previsioni.

E’ quindi consigliabile consultare il sito del Dipartimento, dove è possibile reperire anche le informazioni generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. La Protezione Civile, inoltre, è costantemente in contatto con le strutture territoriali per la valutazione dei livelli di allerta e delle criticità, nonchè per quanto riguarda le azioni di prevenzione da adottare.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche