Nola, crolla solaio nel reparto di rianimazione: pazienti trasferiti
Nola, crolla solaio nel reparto di rianimazione: pazienti trasferiti
Cronaca

Nola, crolla solaio nel reparto di rianimazione: pazienti trasferiti

All'Ospedale di Nola, vicino Napoli, è crollata una porzione del soffitto del reparto di rianimazione. Nessun ferito, trasferiti i degenti

Grave crollo all’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, nel napoletano, dove il distacco di una porzione di soffitto ha causato la caduta di alcuni calcinacci. Detriti che cadendo hanno finito con il colpire una paziente ricoverata presso il reparto di rianimazione. Al momento del distacco (avvenuto poco dopo le 14.30, secondo quanto riportato dal quotidiano Il Mattino), nel reparto erano ricoverati sette pazienti. I malati sono stati successivamente trasferiti presso un’altra ala dell’ospedale e in diverse strutture ospedaliere di Napoli, Avellino e Caserta.

Crollo forse causato da lavori di ristrutturazione

Stando a quanto emerso finora, il crollo sarebbe stato causato da alcuni lavori di ristrutturazione in corso nel repato di cardiologia, situato al piano superiore del nosocomio. Fortunatamente la paziente colpita dai calcinacci non ha riportato ferite gravi.

I precedenti dell’ospedale

L’ospedale Santa Maria della Pietà era già assurto alle cronache nazionali in passato. Nel gennaio del 2017 fece scandalo la pubblicazione sul web di alcune foto.

Immagini nelle quali si mostravano numerosi pazienti adagiati e curati sul pavimento a causa dell’esaurimento di posti letto e barelle. Foto che fecero il giro del web, e successivamente riprese da diversi quotidiani nazionali. Immagini che portarono la Regione Campania all’apertura di un fascicolo di indagine interna e l’allora Ministro della salute Lorenzin all’invio di alcuni ispettori, per verificare eventuali responsabilità nella malagestione della struttura. Sempre nel 2017 nell’ospedale nolano era crollato il controsoffitto di alcune sale operatorie, inaugurate solo alcuni mesi prima.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche