Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Chi sono i genitori di Matteo Renzi, ai domiliciliari per bancarotta
Cronaca

Chi sono i genitori di Matteo Renzi, ai domiliciliari per bancarotta

Matteo Renzi genitori chi sono

Sono stati arrestati Tiziano Renzi e Laura Bovoli, i genitori di Matteo Renzi. Entrambi si trovano ai domiliciliari per bancarotta.

Nuova tempesta in casa di Matteo Renzi. I genitori dell’ex premier, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, sono accusati di bancarotta fraudolenta e falsa fatturazione. Per queste accuse, entrambi, si trovano agli arresti domiciliari nella loro casa di Rignano sull’Arno (Toscana). I genitori di Renzi avrebbero portato al fallimento tre cooperative. Nel capo di imputazione è scritto che “gli indagati cagionavano il fallimento della società per effetto di operazione dolosa consistita nell’aver omesso sistematicamente di versare i contributi previdenziali e le imposte”.

Insieme ai genitori di Renzi è presente un altro soggetto destinatario delle misure cautelari. Si tratta di Gian Franco Massone che di una delle cooperative è il vicepresidente.

Oltre a Matteo, la coppia, ha altri 3 figli Benedetta, Samuele e Matilde. Tiziano Renzi, classe 1951, ha trascorsi politici: dal 1985 al 1990 si lega alla Democrazia Cristiana, mentre dal 1999 al 2002 fa parte del Partito Popolare Italiano, dal 2001 confluito ne La Margherita.

Il commento di Matteo Renzi



La replica di Matteo Renzi alla notizia non si è fatta attendere.

L’ex premier ha dichiarato: “Ho molta fiducia nella giustizia italiana. Tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge. Dunque sono impaziente di assistere al processo. Perché chi ha letto le carte mi garantisce di non aver mai visto un provvedimento così assurdo e sproporzionato”. E aggiunge: “Da rappresentante delle istituzioni. Difendo lo stato di diritto e chiedo a tutti dicredere nella giustizia. Da figlio sono dispiaciuto per aver costretto la mia famiglia e le persone che mi hanno messo al mondo a vivere questa umiliazione immeritata e ingiustificata”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche