Genitori di Renzi ai domiciliari: "Increduli e prostrati" | Notizie.it
Genitori di Renzi ai domiciliari: “Increduli e prostrati”
Cronaca

Genitori di Renzi ai domiciliari: “Increduli e prostrati”

genitori renzi

Dopo la notifica degli arresti domiciliari, i genitori di Matteo Renzi hanno fatto sapere, attraverso il loro legale, di essere sconcertati.

I genitori dell’ex premier Matteo Renzi sono stati accusati di bancarotta fraudolenta ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, e per questo motivo sono stati loro notificati gli arresti domiciliari. Tiziano Renzi e Laura Bovoli non sono riusciti però a trattenere lo sconcerto di fronte alla notizia. Proprio il 18 febbraio, Renzi avrebbe dovuto tenere la presentazione del suo ultimo libro. Dopo aver appreso la notizia, tuttavia, l’ex premier ha annullato i suoi impegni per partire immediatamente alla volta di Firenze e raggiungere la famiglia.

Genitori di Renzi sconcertati

La reazione è stata di incredulità, sconcerto e prostrazione. I militari della Guardia di finanza si sono recati a Rignano sull’Arno, dove hanno notificato, verso le 18.50 di lunedì 18 febbraio, una misura di arresti domiciliari a carico di Tiziano Renzi e Laura Bovoli. Il documento è stato firmato dal gip
Angela Fantechi. A comunicare la reazione della coppia è stato il legale difensore, avvocato Federico Bagattini, il quale ha lasciato la loro abitazione poco prima delle 22.30 del 18 febbraio.

Le parole del Gip

Il gip Angela Fantechi ha spiegato la misura dei domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori di Matteo Renzi.

Sussisterebbe, secondo gli inquirenti, il “pericolo che gli indagati commettano reati della stessa specie di quelli per cui si procede, ovvero tributari e fallimentari”. A detta del giudice, inoltre, “si tratta di reati che non sono occasionali, ma si inseriscono in un unico programma criminoso che va avanti da tempo, realizzato in modo professionale e con il coinvolgimento di numerose altre persone”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche