Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Codice della strada: ritiro patente a chi usa il cellulare
Cronaca

Codice della strada: ritiro patente a chi usa il cellulare

cellulare alla guida

Una novità del codice della strada potrebbe introdurre il ritiro immediato della patente per coloro che usano il cellulare alla guida

L’uso del cellulare alla guida è considerata la principale causa di incidente. E’ questo il motivo per cui nel codice della strada è stata introdotta una novità: il ritiro immediato della patente per chi usa il cellulare alla guida. Al momento, infatti, il ritiro era previsto solo in caso di recidiva, ma “ciò si è mostrato poco efficace in termini di deterrenza”.

Ritiro della patente

“La distrazione e l’uso improprio di smartphone e altri dispositivi è la prima causa di incidente. Una modifica normativa che consenta il ritiro della patente alla prima violazione va incontro all’esigenza di essere più efficaci nel contrasto a questo comportamento pericolosissimo“. Lo ha detto Santo Puccia, primo dirigente della Polizia stradale, in audizione alla commissione Trasporti della Camera. Puccia si è poi concentrato sul fatto che con la nuova regola, la patente verrebbe ritirata alla prima infrazione, e non solo in caso di recidiva, come previsto al momento.

Cosa prevede la legge

Il codice della strada in vigore prevede multe fino a 647 euro per chi usa un cellulare (apparecchio elettronico) durante la marcia, e la sospensione della patente da 1 a 3 mesi solo per chi compia la stessa violazione durante i due anni successivi alla prima multa.

Con la nuova regola, tuttavia, si attuerebbe una vera e propria rivoluzione al codice, inserendo il ritiro della patente sin dalla prima violazione. La Commissione Trasporti della Camera sta facendo le audizioni sulle varie proposte di modifica del codice della strada, tutte riunite in un testo unificato.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche