Bimbo morto a Comiso: interrogati la mamma e il compagno
Bimbo morto a Comiso, aveva un braccio rotto: aperta un’indagine
Cronaca

Bimbo morto a Comiso, aveva un braccio rotto: aperta un’indagine

Bimbo morto a Comiso, le indagini
Bimbo morto a Comiso, le indagini

Una Tac ha rivelato che il bimbo di 6 mesi morto a Comiso aveva un braccio rotto. I pm di Ragusa hanno aperto un'indagine contro ignoti.

La Procura di Ragusa ha aperto un’indagine per ricostruire l’esatta dinamica della morte di un bimbo di 6 mesi morto a Comiso, in Sicilia. Secondo quanto riportato da Fanpage, i magistrati hanno aperto un fascicolo contro ignoti e hanno disposto l’esecuzione dell’autopsia, incarico affidato a Giulio Di Mizio, docente all’Università Magna Grecia di Catanzaro. I medici del Policlinico di Catania hanno già sottoposto il corpo del neonato a una Tac per evidenziare eventuali segni di maltrattamenti. È emerso che il piccolo presenta una frattura al braccio, ma al momento non è stato possibile stabilire se si tratta di una lesione avvenuta pre o post mortem.

Casa posta sotto sequestro

I magistrati hanno ascoltato a lungo la madre del bambino e il suo compagno, rispettivamente di nazionalità romena e tunisina. Il padre del neonato, anch’egli tunisino, si trova invece in carcere. La casa dove la coppia viveva insieme al bimbo è stata posta sotto sequestro, su richiesta del pm Santo Fornasier.

Gli agenti della polizia scientifica e del commissariato di Comiso sono giunti sul posto per eseguire i rilievi del caso.

Resta ancora da ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto nelle 12 ore che hanno preceduto la morte del bambino. Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni, infatti, la madre non avrebbe controllato le condizioni del figlio dalle 4 di mattina di martedì 19 febbraio. A quell’ora, lo ha allattato prima di metterlo a letto. La donna ha chiamato un’ambulanza solo intorno alle ore 16, quando per il piccolo era orai troppo tardi. Attualmente nessuna accusa formale è stata avanzata nei confronti della madre e del compagno, ma gli inquirenti intendono far luce sulla loro posizione. Tra le ipotesi al vaglio della polizia c’è anche quella di un tragico incidente, forse un caso di morte in culla o un rigurgito rivelatosi fatale.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 1786 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.