Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Torino, donna veglia il fratello morto in casa per giorni
Cronaca

Torino, donna veglia il fratello morto in casa per giorni

Gli assistenti sociali di Torino la ritrovano in casa, mentre veglia il corpo del fratello deceduto. Per ora ignota causa e data del decesso

L’hanno ritrovata che vegliava il corpo senza vita del fratello 71enne con il quale divideva l’appartamento di Via Bene Vagienna, situata nel quartiere Santa Rita del capoluogo piemontese. Questa la situazione affrontata dagli assistenti sociali del comune di Torino, quando – nel corso di una normale visita di routine – hanno effettuato il ritrovamento.

La donna non è in grado di intendere e volere

I servizi di assistenza comunali, stando a quanto emerso finora, avevano in gestione la donna, che soffrirebbe di alcuni disturbi psichiatrici e non sarebbe in grado di intendere e di volere. Intervenuta sul posto la Polizia Locale e gli uomini del 118, che dopo aver prestato le prime cure alla donna, la hanno poi accompagnata in ospedale, dove sarebbe stata ricoverata per accertamenti.

Ignote le cause del decesso

Per il momento restano ignote le cause della morte del fratello, sulla quale la Polizia ha però avviato un’indagine. Unica certezza, almeno per ora, che al momento del ritrovamento l’uomo fosse morto da diversi giorni.

Un lasso di tempo troppo lungo affinché risultasse possibile riuscire a determinare con esattezza il momento della morte senza ricorrere ad analisi più approfondite.

Uomo ritrovato morto in tangenziale

Sempre a Torino, la Polizia Stradale ha ritrovato il corpo senza vita di un italiano di 49 anni, in un veicolo fermo lungo la corsia di emergenza della Tangenziale, all’altezza dell’uscita di Corso Francia, a Rivoli. Erano le 6.30 del mattino di venerdì 22 febbraio 2019, quando – insospettiti dalla presenza di un furgone fermo a margine della carreggiata – gli uomini della Polizia si sono avvicinati, e hanno ritrovato l’uomo accasciato sul sedile. Immediatamente chiamati i soccorsi, che giunti sul posto hanno a lungo tentato di rianimarlo. Ma per l’autista del veicolo era troppo tardi, e non sono riusciti a salvarlo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche