×

Clochard trovata morta a Casamicciola: forse uccisa dal freddo

La donna dormiva nei giardini del Pio Monte della Misericordia, storico edificio di Casamicciola. La salma è stata trasferita a Napoli per l'autopsia.

ischia-clochard-morta-autopsia

Una donna di 48 anni, senza fissa dimora, è stata trovata morta a Casamicciola, sull’isola di Ischia. A lanciare l’allarme, alle prime luci dell’alba, sarebbe stato un altro senzatetto, che condivideva con la donna il giaciglio di fortuna nei giardinetti del fatiscente edificio affacciato sul mare.

A quanto riferisce FanPage, l’uomo si era recato nella notte al pronto soccorso, per un malore dovuto al freddo intenso che negli ultimi giorni si sta abbattendo su tutto il Golfo di Napoli. Quando ha fatto ritorno al suo alloggio si è accorto che la donna non stava bene. Ma all’arrivo dei soccorsi, Renata Hamera – questo il nome della 48enne di origini polacche – era già morta.

Una ferita alla testa

I carabinieri sarebbero riusciti ad identificarla dai documenti rinvenuti tra i pochi effetti personali custoditi dalla senza tetto. La donna avrebbe anche una figlia che, come la madre, vivrebbe in ripari di fortuna nella nota località turistica. Sul cadavere i soccorsi avrebbero riscontrato la presenza una ferita lacero contusa, riportata alla testa, probabilmente prima della morte. Benché la pista dell’aggressione non sia ancora stata esclusa, gli inquirenti ipotizzano la morte per assideramento.

Le morti silenziose

La ferita al capo sarebbe dunque legata ad una caduta pregressa, forse causata da una perdita di equilibrio durante il sonno. Pare infatti che la donna dormisse su una panchina in muratura, sollevata a qualche centimetro da terra. Ad ogni modo, la salma è stata trasferita al Policlinico di Napoli dove sarà disposto l’esame autoptico, anche se il sospetto è che si sia trattata dell’ennesima morte causata dal freddo.

Una tragica fine che serpeggia silenziosa tra gli sfortunati membri di questa comunità dimenticata.

Una comunità invisibile

Secondo la Caritas diocesana, come riferisce il quotidiano online, nella celebre località turistica sarebbero circa quindici le persone che vivono in condizioni di totale abbandono, a pochi metri dalle spiagge dove ogni estate si affollano i bagnanti. La maggior parte delle quali si troverebbe radunata proprio intorno al Pio Monte della Misericordia di Casamicciola, edificio fatiscente situato sul lungomare. Un luogo abbandonato che da diverso tempo ormai ospita i giacigli dei senzatetto dell’isola.

Contents.media
Ultima ora