×

Milano, al via “People”: in migliaia in piazza contro il razzismo

Tra i manifestanti anche Sala, Martina e Zingaretti, per chiedere "un mondo che metta al centro le persone".

People, in migliaia in piazza contro il razzismo
People, in migliaia in piazza contro il razzismo

Sono migliaia le persone scese in piazza a Milano per manifestare contro il razzismo e ogni forma di discriminazione. Al grido di “People – prima le persone“, il corteo è partito da via Palestro. Tra i manifestanti anche il sindaco Giuseppe Sala, che ha definito il corteo come un “momento di grande cambiamento” e la possibilità di promuovere “la nostra visione di Italia”. Presenti anche i candidati alla segreteria del Pd, Nicola Zingaretti e Maurizio Martina.

L’assessore alle politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, ha pubblicato su Twitter una prima stima dei partecipanti alla manifestazione: “Siamo 200mila“. Lo stesso numero è stato annunciato anche dai carri delle associazioni presenti al corteo, riferisce l’Ansa.Zingaretti a People

People – prima le persone

I promotori di People (oltre 30 realtà e 1000 associazioni) hanno voluto dare vita a “una grande iniziativa pubblica per dire che vogliamo un mondo che metta al centro le persone“. Persone di ogni provenienza, religione, colore della pelle e credo politico. “La politica della paura e la cultura della discriminazione viene sistematicamente perseguita per alimentare l’odio e creare cittadini e cittadini di serie A e di serie B. Per noi, invece, il nemico è la diseguaglianza, lo sfruttamento, la condizione di precarietà”, si legge nell’appello degli organizzatori, citato dall’Ansa.

Manifestazione Milano

Milano antirazzista

L’obiettivo è trasformare in normalità quello che oggi appare sempre più come l’eccezione e l’anomalia: “Inclusione, pari opportunità e una democrazia reale per un Paese senza discriminazioni, senza muri, senza barriere. Crediamo che la buona politica debba essere fondata sull’affermazione dei diritti umani, sociali e civili”.

People prima le persone

“Pensiamo che le differenze – legate al genere, all’etnia, alla condizione sociale, alla religione, all’orientamento sessuale, alla nazione di provenienza e persino alla salute – non debbano mai diventare un’occasione per creare nuove persone da segregare, nemici da perseguire e ghettizzare o individui da emarginare. Noi siamo per i diritti e l’inclusione. Noi siamo antirazzisti, antifascisti e convinti che la diversità sia un valore e una ricchezza culturale“.

Striscione a People

Tra gli obiettivi di People si contano “politiche sociali nuove ed efficaci per il lavoro, per la casa, per i diritti delle donne, per la scuola e a tutela delle persone con disabilità”. I manifestanti chiedono “scelte radicalmente diverse da quelle compiute sino a oggi in materia di immigrazione, politiche di inclusione, lotta alle disuguaglianze e alla povertà“.

Manifestazione in galleria

L’arrivo in Duomo

Dopo la partenza in via Palestro, il corteo ha attraversato le vie del centro di Milano, passando per piazza San Babila, prima di concludersi in piazza Duomo. Qui è previsto un flash mob accompagnato dalle note di People have the power di Patti Smith.

Milano, arrivo in Duomo


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche