Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Donna ritrovata dopo 36 ore in ipotermia e stato confusionale
Cronaca

Donna ritrovata dopo 36 ore in ipotermia e stato confusionale

perugia donna ritrovata

Quando si iniziava a temere il peggio, la signora Maria Licia Batelli è stata ritrovata. Ha trascorso due notti in auto, sola e senza viveri.

Ha trascorso 36 ore di paura ma fortunatamente tutto si è concluso nel migliore dei modi. La signora Maria Licia Batelli, ex professoressa ora in pensione, intorno alle 17 di venerdì 1 Marzo 2019, aveva preso la sua auto per andare in chiesa, come spesso faceva. Al termine della messa però nessuno ha più saputo niente di lei. Sembrava fosse sparita nel nulla.

L’allarme dei familiari è scattato subito. Le ricerche effettuate da forze dell’ordine, protezione civile ma anche semplici cittadini volontari sono partite all’istante. La signora Batelli, 89 anni, è stata ritrovata la domenica successiva, attorno alle 11.45 a bordo della sua Peugeot 307. La donna si trovava presso la località La Trogna, frazione di Città di Castello (Perugia). Maria era disorientata e in ipotermia, conseguenza delle due notti trascorse in auto, da sola, senza mangiare e bere. Immediatamente soccorsa dai sanitari, è stata portata in ospedale per ulteriori accertamenti circa le sue condizioni.

Fondamentale l’aiuto dei cittadini volontari

Si temeva un tragico epilogo ma invece la vicenda si è conlcusa nel migliore dei modi.

Questo grazie al lavoro e al coordinamento di forze dell’ordine, protezione civile e volontari. Il sindaco, Luciano Bacchetta, insieme all’assessore Luciana Bassini, ha voluto quindi esprimere un grande e sentito ringraziamento verso tutte le persone (soprattutto semplici cittadini volontari) che hanno aiutato nelle ricerche fin dal primo allarme. Queste le parole del primo cittadino: “Anche in questa occasione la comunità locale ha dimostrato un alto senso civico e una forte sensibilità al tema della solidarietà”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche