×

Andrea Cortese, morto di infarto a 46 anni davanti alla compagna

La compagna, volontaria della Croce Rossa, ha tentato inutilmente di rianimarlo. La famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi.

Andrea Cortese, morto davanti alla compagna
Andrea Cortese, morto davanti alla compagna

Si è spento davanti agli occhi della compagna, nell’autofficina dove lavoravano insieme a Mel, in provincia di Belluno. Andrea Cortese, 46 anni (47 tra poco più di un mese), è morto per un infarto nel suo garage in via dell’Artigianato. Secondo quanto si apprende dal Gazzettino, la compagna, Sonia Brancher, era insieme a lui e, vedendolo accasciarsi al suolo, ha cercato in tutti i modi di rianimarlo. La donna, infatti, presta servizio come volontaria della Croce Rossa. Ma ogni tentativo si è rivelato inutile e per l’uomo non c’è stato niente da fare.

Meccanico morto a 46 anni

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della stazione di Mel che hanno eseguito i necessari accertamenti. Gli agenti hanno classificato il decesso del meccanico come un caso di morte naturale e hanno acconsentito la rimozione della salma.

Le operazioni sono state condotte con il coordinamento del magistrato di turno, Marco Faion. La data e l’ora del funerale, che verrà celebrato a Trichiana, non sono ancora state comunicate.

Andrea Cortese era sempre stato in ottima salute fino a quando, tre settimane prima del decesso, aveva contratto una grave forma di influenza. Per quattro giorni era stato costretto a rimanere a letto a causa della febbre a 39, poi, lentamente, era tornato a svolgere le sue normali attività quotidiane. Tutti i conoscenti lo hanno descritto come un lavoratore instancabile. Viveva a Morgan ma aveva aperto l’autofficina a Mel. Ogni giorno, sabato compreso, lavorava dalle 6 alle 20. Seguendo le volontà dell’uomo, la famiglia ha acconsentito alla donazione di tessuti e cornee.

I medici dell’ospedale di Belluno. hanno già effettuato l’espianto. “Papà è stato buono anche da morto“, è stato il commento dei figli di Andrea, di 15 e 16 anni.

“Aveva una passione sfrenata per i motori“, ha raccontato il padre, Giovanni Cortese. “Seguiva le gare di rally, le corse in salita, era presente in ogni occasione”.


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Caricamento...

Leggi anche