Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Parla la mamma del bimbo investito dal camionista: “Lo faccio a pezzi”
Cronaca

Parla la mamma del bimbo investito dal camionista: “Lo faccio a pezzi”

Sfoga tutta la sua rabbia parlando Raiza Terziu, mamma di Thiago, il piccolo travolto nel passeggino da un camionista in stato di ebbrezza.

Raiza Terziu – la 28enne di origine romena che ha visto il proprio bambino nel passeggino travolto da un camion a Marostica – ora sfoga tutta la sua rabbia attraverso i media. A guidare quel camion, c’era un muratore della zona, Pietro del Santo, che stava fuggendo in stato di ebbrezza ad un controllo delle forze dell’ordine. Raiza è stata lasciata sola, non una parola è stata spesa nei suoi confronti dall’opinione pubblica o dalla politica, sempre pronta a denunciare e condannare crimini di questa natura sui social network. Il figlio di Raiza, il piccolo Thiago, già nato prematuro, si ritrova ora a 14 mesi con una gamba amputata in terapia intensiva a lottare tra la vita e la morte.

La rabbia di una madre

«O la legge lo fa restare dentro – spiega la donna al Corriere della sera – o lo faccio a pezzi, come lui ha spezzato la gamba di Thiago. Rimpiangerà il giorno in cui è venuto al mondo».

La donna, non avrebbe nemmeno ricevuto infatti un messaggio di scuse o di vicinanza da parte della famiglia del camionista. «Mi assumo le responsabilità di quanto detto. E’ venuto vicino a me (il camionista, ndr) perché voleva vedere il bambino. Persone come lui dovrebbero bere il veleno, non bere per mettersi a guidare» spiega la donna, accecata dalla rabbia e dal dolore come solo una madre che rischia di perdere il figlio può sentirsi.

Le condizioni del bambino

Thiago, il bimbo di 14 mesi investito da un camion, è nato prematuro – come spiegato dalla donna – e già lo scorso anno ha passato molto tempo in ospedale; questo incidente, che poteva e doveva essere evitato, va quindi a infierire su una condizione di salute di partenza già non ottimale. Ora la donna pretende giustizia e, nella sua rabbia, dice di essere persino pronta a farsela da sola.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Lomonaco
Classe '95, nato a Milano, vive a Rho. Laureato in filosofia alla Statale, poi masterizzato al Sole 24 Ore. E' vice responsabile di redazione a IlGiornaleOFF, spin-off culturale del weekend e webzine del quotidiano Il Giornale. Scrive per Il Giornale, per il settimanale OGGI e per Notizie.it. Ha lavorato a Radio24 nel team de La Zanzara di Cruciani e Parenzo.
Contatti: Mail