La Spezia, sparatoria in piazza. Morto un pregiudicato di 50 anni
Cronaca

La Spezia, sparatoria in piazza. Morto un pregiudicato di 50 anni

carabinieri

La vittima sarebbe un pregiudicato: l'episodio si è verificato alla periferia nord della città, vicino alla stazione.

Sparatoria in piazzale Ferro, nella zona della stazione, a La Spezia. Ci sarebbe un morto; un pregiudicato di 50 anni. Lo si apprende da fonti vicine agli inquirenti. Erano sbagliate quindi le prime informazioni, secondo le quali la vittima era un militare della Marina. “Sappiamo chi ha sparato” ha detto all’Ansa il questore della Spezia Francesco Di Ruberto. Secondo quanto appreso, a sparare sarebbe stato un sottufficiale dell’Aeronautica.

La ricostruzione dei fatti

Stando alla versione fornita da alcuni testimoni un’automobile avrebbe investito volontariamente l’uomo, rimasto a terra ferito. In seguito una persona sarebbe scesa dalla medesima vettura e avrebbe ucciso il cinquantenne sparando diversi colpi di pistola. Anche in questo caso si tratta di una versione da verificare con certezza e per questo si attendono aggiornamenti più precisi.

I soccorsi e le indagini

Alcuni passanti hanno chiamato subito il 118. Sul luogo dell’agguanto è giunta un’ambulanza ma purtroppo non c’è stato nulla da fare per l’uomo che ha perso la vita nel terribile agguato.

Si sono rivelati inutili i tentativi di rianimazione da parte dei soccorritori. In piazzale Ferro è arrivata immediatamente anche la Polizia: gli agenti hanno interrogato quanti hanno assistito alla tremenda scena e hanno eseguito i rilievi del caso per ricostruire con esattezza. L’episodio ha sconvolto la città di La Spezia perché è avvenuto in una zona molto frequentata della città, vicino alla stazione ferroviaria.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Ienco
Andrea Ienco, nato nel 1992 a Milano. Laureato in "Storia" con la passione per il cinema e per tutto ciò che è innovativo. Il Master in Giornalismo e i viaggi negli Stati Uniti mi hanno dato la possibilità di crescere e imparare le tecniche del mestiere.