Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Maestre maltrattano alunni, incastrate dai video
Cronaca

Maestre maltrattano alunni, incastrate dai video

maltrattamenti scuola

Maltrattamenti in una scuola. Due maestre sono state sospese dopo essere state incastrate dalle immagini di alcune telecamere.

I Carabinieri della compagnia di Tropea hanno notificato un’ordinanza cautelare di obbligo di dimora nel comune di residenza a due insegnanti di scuola primaria. Alle maestre, è stato contestato il reato di maltrattamenti nei confronti degli alunni della scuola in cui lavorano. Si tratterebbe principalmente di vessazioni psicologiche che avrebbero ridotto i bambini in una condizione di sudditanza. A dare l’imput alle indagini è stata la segnalazione ai Carabinieri da parte di alcune madri, i cui figli tornavano a casa con guance arrossate ed erano restii a recarsi a scuola.

Le indagini

A seguito delle segnalazioni, nell’aula sono state piazzate alcune telecamere, mentre i Carabinieri hanno avviato le indagini con il coordinamento della procura di Vibo e della compagnia di Tropea. I militari hanno così documentato come le insegnanti facessero sistematicamente ricorso alla violenza sia fisica sia psicologica nei confronti dei piccoli scolari. I bambini vivevano quindi le ore scolastiche in un clima di intimidazione e soggezione.

Le parole della dirigente

“Affidiamo tutto nelle mani della magistratura e davanti a prove evidenti le maestre ne risponderanno nelle sedi opportune“.

La preside si è detta sconvolta per la notizia, aggiungendo che “all’ufficio di presidenza non è mai arrivata alcuna comunicazione in ordine ai presunti maltrattamenti. Nulla faceva presagire tutto questo. Come comunità scolastica siano addolorati e basiti. Si tratta di atti esecrabili che vanno contro ogni forma di deontologia. La magistratura farà il suo corso. Nel frattempo, così come prevede il regolamento – ha concluso la dirigente -, le docenti sono state sospese per non alterare il clima positivo e sereno a cui hanno diritto i bambini”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche