Resti di topo nella farina: chiuso stabilimento a Pescara | Notizie.it
Pescara, escrementi di topo nella farina: NAS chiude lo stabilimento
Cronaca

Pescara, escrementi di topo nella farina: NAS chiude lo stabilimento

carabinieri nas

I Carabinieri del NAS hanno trovato in un grosso stabilimento di Pescara escrementi e topi morti nei locali di confezionamento delle farine.

Compra un pacco di farina in un supermercato, lo apre per farci magari un dolce o del pane e scopre che all’interno ci sono degli escrementi di topo. La confezione però sembrava ben sigillata, e così il cliente denuncia il tutto direttamente ai carabinieri del NAS di Pescara. Si è scoperto così che ad essere infestato dai topi era lo stabilimento di produzione. I lotti pericolosi sarebbero stati richiamati.

Topi morti nello stabilimento

La situazione scoperta dal NAS era a quanto pare inquietante. Come riporta ilgazzettino.it, infatti, i carabinieri coordinati dal maggiore Domenico Candelli hanno trovato all’interno dell’azienda una condizione igienica disastrosa.

Negli ambienti in cui si lavoravano le farine, infatti, sono stati trovati non solo escrementi di topi ma anche roditori morti. Il pronto intervento dei militari ha così evitato la messa in commercio di 110 tonnellate tra farina e grano in pessimo stato di conservazione. Ad essere particolarmente sporco il locale dove venivano confezionati i pacchi da un chilo.

Richiamo della farina

Dopo che il NAS ha sequestrato tutti gli alimenti, il Dirigente del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’Asl ha disposto la distruzione immediata delle farine e la chiusura dell’intera attività, dal valore di tre milioni di euro.

Le confezioni già spedite nei negozi invece sarebbero state richiamate, e presumibilmente verranno tolte dal mercato.

Le forze dell’ordine hanno quindi denunciato il legale responsabile dell’azienda per commercio di alimenti in cattivo stato di conservazione. Allo stesso è stata inflitta una sanzione amministrativa per le numerose violazioni igieniche riscontrate.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche