Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Vercelli, ragazza marocchina vive all’italiana: il padre la investe
Cronaca

Vercelli, ragazza marocchina vive all’italiana: il padre la investe

carabinieri

Padre investe la figlia perché voleva vivere all'occidentale. Arrestato per maltrattamenti e tentato omicidio.

Un 50enne di origine marocchina è stato arrestato per aver investito la figlia. Quest’ultima aveva espresso il desiderio di potersi integrare completamente nella società occidentale e di voler adottare uno stile di vita “all’italiana”. Sembra tuttavia che questo abbia scatenato le ire del padre, che in un raptus ha impugnato il volante e investito la ragazza. Dovrà rispondere di tentato omicidio e maltrattamenti.

50enne arrestato

L’episodio è avvenuto venerdì 15 marzo a Livorno Ferraris, in provincia di Vercelli. Proprio nel paese, abita da anni l’uomo marocchino con la figlia. In un momento d’ira, però, l’uomo avrebbe cercato di investire la 20enne. Fortunatamente la ragazza è stata colpita solo di striscio ed è stata soccorsa sul posto. Trasportata poi in ospedale, è stata dimessa con una prognosi di pochi giorni. Il padre nel frattempo è stato arrestato dai Carabinieri e portato in carcere. A scatenare le sue ire sarebbe stato lo stile di vita “occidentale” adottato dalla giovane: giocava in una locale squadra di basket e non ha mai
indossato il velo.

I fatti

La giovane era in cerca di un lavoro e il giorno dell’aggressione stava andando a prendere il treno per consegnare alcuni curriculum.

Il padre non avrebbe però accettato la decisione e voleva accompagnarla personalmente in auto. A quel punto tra i due sarebbe nata la discussione con la 20enne che ha deciso di scendere per strada. Il padre l’ha inseguita e, preso dalla rabbia, ha tentato di investirla con l’auto. La giovane ha sbattuto la testa ma non avrebbe mai perso conoscenza. E’ stata trasporta al Sant’Andrea di Vercelli, ma dalle analisi non sarebbero emersi fratture o lesioni gravi.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche