Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Pordenone, operaio morto schiacciato da una lastra d’acciaio
Cronaca

Pordenone, operaio morto schiacciato da una lastra d’acciaio

pordenone operaio morto

Jurica Pinta aveva solo 25 anni. Era originario della Croazia ma viveva in Italia da molti anni. E' morto mentre stava lavorando.

Ennesima tragedia sul lavoro. Un operaio di soli 25 anni, Jurica Pintar, da anni residente in Italia, ma di origini croate, è morto schiacciato da una lastra di acciaio mentre stava lavorando. L’incidente mortale si è verificato nella mattinata di lunedì 18 Marzo 2019 a Polcenigo, borgo in provincia di Pordenone, presso l’azienda IM, ditta che opera nella pedemontana pordenonese.

Stando a quanto si apprende, dopo una prima ricostruzione di quanto accaduto, il 25enne stava saldando una pesante lastra d’acciaio. Per ragioni ancora da appurare, una di queste lastre gli è improvvisamente caduta addosso durante la fase di puntellatura. Jurica è rimasto schiacciato mortalmente.

Le ferite erano molto gravi

I primi a prestare soccorso al ragazzo sono stati i colleghi, i quali hanno immediatamente chiamato i sanitari del 118. Le ferite riportate dal giovane però, sono apparse subito molto gravi. Purtroppo, giunto sul luogo dell’incidente, il personale dell’ambulanza ha dovuto dichiarare il decesso del ragazzo classe 1994.

Nell’azienda dove si è verificato l’incidente sono poi intervenuti anche i vigili del fuoco, il medico legale e i Carabinieri della Compagnia di Sacile.

Gli ispettori dell’Aas 5, Azienda Assistenza Sanitaria del Friuli Occidentale, avranno il compito di accertare l’esatta dinamica dei fatti.

Lastra e macchinario sono stati sequestrati. Il cadavere della vittima, invece, ora si trova all’obitorio dell’ospedale civile di Pordenone, dove rimane a disposizione dell’Autorità giudiziaria per l’autopsia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche