Torino, morto per tubercolosi studente 19enne del Politecnico | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Torino, morto per tubercolosi studente 19enne del Politecnico
Cronaca

Torino, morto per tubercolosi studente 19enne del Politecnico

Arezzo, figlia 18enne salva il padre da un infarto

Aveva 19 anni ed era iscritto al primo anno di ingegneria informatica al Politecnico di Torino: purtroppo, ogni cura si è rivelata vana.

Il giovane studente dello Sri Lanka, ricoverato per tubercolosi da tre settimane nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale Amedeo di Savoia di Torino, non è sopravvissuto. I medici hanno fatto tutto il possibile per salvargli la vita, ma non c’è stato niente da fare: l’infezione si è rivelata molto grave e ogni cura è risultata vana.

Il giovane, matricola di ingegneria informatica dell’ateneo torinese, aveva probabilmente contratto la malattia mentre si trovava nel suo Paese d’origine, lo Sri Lanka. La notizia ufficiale del decesso dello studente è data dall’Asl (Associazione Sanitaria Locale) di Torino in una breve nota: “L’Asl città di Torino conferma la notizia del decesso per tubercolosi dello studente del Politecnico. Fatto possibile seppur molto raro. I controlli già previsti ed iniziati, continuano senza che siano emerse criticità”.

Controlli su 250 persone

L’Asl ha quindi iniziato ad effettuare tutti i controlli di routine per casi come questo, onde evitare altre infezioni.

Sono 250 le persone coinvolte. Al momento, ognuna di loro si sta sottoponendo agli esami necessari e tutto sta procedendo senza alcuna criticità, come riportato anche nella nota. I test di accertamento sulle persone dovrebbero terminare nella giornata di oggi, giovedì 21 Marzo 2019.

Il rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco, ha voluto commentare la triste vicenda: “C’è grande rammarico e dolore per questa morte. L’Asl sta svolgendo tutti i controlli necessari e c’è piena fiducia nel loro operato”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche