Italiano morto durante una battuta di caccia all'estero | Notizie.it
Cacciatore morto: colpo partito dal fucile dell’amico
Cronaca

Cacciatore morto: colpo partito dal fucile dell’amico

cacciatore-italiano-morto-scozia

Secondo le prime notizie che giungono dal Regno Unito, il colpo sarebbe partito dal fucile di un amico.

Sarebbe morto per una tragica fatalità. Marco Cavola, imprenditore edile quarantenne originario di Lariano, comune dei Castelli Romani, è rimasto vittima di un incidente di caccia durante una battuta. Alcuni giorni fa era partito insieme a due amici cacciatori, anch’essi residenti a Lariano, alla volta della Scozia, dove li attendeva una sessione di caccia come tante altre. Secondo le prime notizie giunte dal Regno Unito, Cavola sarebbe stato ucciso da un colpo partito per errore dal fucile di un suo amico, con il quale era a caccia oltremanica, insieme ad un gruppetto di appassionati. Il 42enne lascia la moglie e tre figli piccoli, due bambine e un maschio.

Le indagini

Sarebbero ancora in corso gli accertamenti delle autorità scozzesi sulla dinamica del colpo esploso. Nel frattempo non è stato ancora fissato il rientro in patria per gli altri due amici italiani della vittima, così come anche quello della salma per la sepoltura. Marco Cavola, classe 1976, avrebbe compiuto 43 anni ad aprile.

Molto conosciuto nella cittadina dove era nato e viveva, la vittima era titolare di un’impresa edile e di movimento, oltre che un grande appassionato di arte venatoria, come testimoniato dalle numerose foto dei trofei di caccia presenti sul suo profilo Facebook. La sua salma sarebbe ora sotto sequestro per ulteriori accertamenti. Stando a quanto riferito da fonti nazionali, sarebbero già in partenza i parenti del cacciatore ucciso, con loro anche i famigliari dell’amico. Quest’ultimo sarebbe al momento indagato dalla polizia scozzese.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche