Meteo, l'estate arriva a maggio: previsto un caldo africano | Notizie.it
Meteo, l’estate arriva a maggio: previsto un caldo africano
Cronaca

Meteo, l’estate arriva a maggio: previsto un caldo africano

meteo

L'estate 2019 potrebbe essere tra le più calde degli ultimi anni, e forse anche la più lunga. La prima ondata di calore dovrebbe avvenire a maggio.

Se è vero che la primavera si sta facendo attendere, a quanto pare l’estate 2019 invece inizierà con largo anticipo e sarà più afosa che mai. E’ questa infatti la previsione del portale ilmeteo.it, che parla di temperature fuori dalla norma su tutto lo Stivale già a partire da maggio.

Estate in anticipo

In base a queste proiezioni, il caldo farà capolino prima di tutto nelle Regioni meridionali. Sicilia, Sardegna, Calabria e Puglia saranno le prime infatti a subire le masse di aria provenienti dal deserto africano. Già nell’ultima decade di maggio 2019 infatti la colonnina di mercurio potrebbe toccare i 30 gradi.

A causa del possibile elevato grado di umidità la temperatura percepita però potrebbe risultare molto più alta. Il Nord dovrà aspettare invece giugno per assaporare l’estate. In base all’ultimo modello europeo ECMWF il clima diverrà torrido all’improvviso, con possibili picchi attorno ai 33-34 gradi su gran parte della Penisola, dalle Alpi alla Sicilia.

Caldo afoso

Anche il mese di luglio, e fino alla metà di agosto, le temperature dovrebbero rimanere elevate.

Ilmeteo.it ipotizza già possibili punte record tra i 43 ed i 44 gradi al Sud, in particolare nelle città di Catania, Palermo, Messina, Foggia e Lecce. Ma anche sulla Pianura Padana si potrebbero sfiorare i 40 gradi. Arsura che dovrebbe persistere anche la notte.

Solo dopo Ferragosto il clima dovrebbe tornare meno afoso e l’aria più respirabile. Le possibili improvvise correnti più fredde però potrebbe causare eventi climatici avversi, quali grandinate e alluvioni lampo.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche