×

Nuovo codice della strada: ritiro patente per chi usa il cellulare

Tante novità nel codice della strada. Sanzioni amministrative più severe e controlli maggiori.

nuovo codice strada

Nessun innalzamento del limite di velocità sulle autostrade a tre corsie e nemmeno il divieto di fumo alla guida o la possibilità per le bici di andare contromano. Arriva però la stretta per chi non rispetta le regole con conseguenti aumenti di multe e decurtazioni dei punti. Il testo del codice della strada è stato inviato ai gruppi parlamentari e dovrebbe arrivare a Montecitorio a maggio. Sono tanti i temi di cui si è discusso. Lega e Movimento 5 stelle si sono trovati in accordo soprattutto sull’inasprimento delle sanzioni.

Sanzioni più severe

La prima novità riguarda chi verrà sorpreso alla guida utilizzando smartphone, pc portatili, tablet, o dispositivi analoghi “che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante“. In questo caso non sono più previste multe da 161 a 467 euro, bensì “da 422 a 1697 euro e sospensione della patente di guida da 7 giorni a due mesi“.

Ma non è tutto, se nei due anni successivi il trasgressore dovesse incappare nella stessa infrazione, “è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 644 a euro 2588, alla sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da uno a tre mesi” e alla decurtazione di punti che vanno dai 5 ai 10.

Meno due punti anche per chi sosta negli spazi riservati alla ricarica dei veicoli elettrici, mentre ne verranno tolti 4 a chi parcheggia su spazi riservati ai disabili o sul marciapiede. In questo caso le multe andrebbero da un minimo di 161 euro ad un massimo di 647, e non più da euro 85 a euro 334. Raddoppio anche per i ciclomotori, per cui sono previste multe dagli 80 ai 328 euro.

Aumentano anche i controlli

Previsti anche più controlli.

L’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope potrà infatti essere dimostrato attraverso accertamenti sulla saliva effettuati anche presso laboratori mobili. Chi rifiuta di sottoporsi all’accertamento rischia una multa da 422 a 1697 euro. Si allarga inoltre l’elenco dei casi in cui non è necessaria la contestazione immediata delle violazioni: “La modifica è riferita all’ipotesi di accesso di veicoli non autorizzati ai centri storici, alle zona a traffico limitato, alle aree pedonali, alle piazzole di carico e scarico merci, e alla circolazione su corsie e su strade riservate, e concerne le modalità di rilevazione dell’infrazione, prevedendo che essa sia effettuata attraverso dispositivi omologati mediante apposito regolamento”. Al di fuori dei centri abitati, a determinate categorie di veicoli, potranno essere destinate non solo corsie, ma anche strade.

Le altre novità

Previsti poi portabiciclette sugli autobus a noleggio, mentre sulle autoambulanze sarà consentito il trasporto di un accompagnatore.

Esentati dal pagamento del pedaggio in autostrada i veicoli targati Cri, quelli della protezione civile e delle organizzazioni di volontariato. Prevista l’esenzione dal pagamento del bollo per i veicoli storici. Delimitato infine dal colore rosso lo spazio riservato alle autoambulanze. Altre novità prevedono parcheggi rosa gratis per le donne in gravidanza e per chi ha in auto bimbi fino ad un anno di età. Abolizione dell’obbligo di uso diurno delle luci di posizione o degli anabbaglianti. Aumentato a 12 mesi il periodo di validità del foglio rosa. Gli scooter 125 potranno circolare su autostrade e strade extraurbane.


Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche