Bimbo ucciso dalla madre a Piedimonte, parla la vicina | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Bimbo ucciso dalla madre, la vicina: “Stava male, era depressa”
Cronaca

Bimbo ucciso dalla madre, la vicina: “Stava male, era depressa”

omicidio

La mamma di Piedimonte San Germano confessa di aver strangolato il piccolo Gabriel. La vicina di casa: "Molte persone sapevano che stava male".

Donatella Di Bona confessa di aver strangolato il figlio di due anni perché “non smetteva di piangere”. Matteo Salvini si domanda “come si possa uccidere così”. Una prima risposta arriva da una vicina di casa della mamma 28enne, che dichiara: “Probabilmente era in stato di depressione post partum“.

La sospetta depressione

La tragedia che è accaduta a Piedimonte San Germano, in provincia di Frosinone, è ancora tutta da approfondire. Donatella Di Bona ha confessato l’omicidio del figlio di due anni dopo aver tentato per qualche ora di far credere che il bimbo era stato investito. Ricostruzione che non ha convinto fin da subito gli inquirenti, soprattutto dopo aver visto alcuni graffi sulle braccia della donna. Il piccolo Gabriel Faroleto ha infatti tentato di difendersi mentre la mamma 28enne lo strangolava.

“Una preghiera per il piccolo Gabriel, volato fra gli angeli a soli due anni. Ma come si può uccidere così?” ha scritto su Facebook il vicepremier Matteo Salvini.

Una prima spiegazione sembra darla una vicina di casa di Donatella Di Bona. Intervistata da Fanpage.it, la signora racconta: “Donatella non lavorava, stava a casa e trascorreva tutto il tempo che aveva a disposizione con suo figlio. Molte persone erano al corrente della situazione che stava vivendo, probabilmente in uno stato di depressione post partum“.

“Si sapeva che stava male”

“Provo tanta rabbia per ciò che è accaduto a quel povero bambino” aggiunge la vicina di casa della 28enne, spiegando: “Quando sono venuta a conoscenza di quanto accaduto ero qui ma l’ho saputo solo dopo che il bimbo non c’era più”.

Saranno le indagini ad appurare se Donatella Di Bona soffrisse veramente di uno stato di depressione. In tal caso, forse, ci sarà poi da capire perché nessuno è intervenuto anche se “molte persone sapevano che stava male” come dichiara la vicina di casa. Piedimonte intanto è in lutto.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche