Si lancia con il paracadute sul Brento: morto uomo di 47 anni | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Brento: 47enne muore dopo essersi lanciato con il paracadute
Cronaca

Brento: 47enne muore dopo essersi lanciato con il paracadute

brento paracadute morto

L'uomo aveva 47 anni: i soccorsi intervenuti immediatamente sul luogo della tragedia non hanno potuto far niente per salvarlo.

Doveva essere una Pasqua all’insegna del divertimento, l’occasione per trascorre qualche giorno di vacanza in modo totalmente spensierato e lontano dalle preoccupazioni che attanagliano la vita quotidiana. Doveva essere il momento giusto per provare nuove, adrenaliniche, emozioni con la natura come teatro.

Purtroppo invece non è accaduto niente di tutto ciò. L’esperienza tanto desiderata ed aspettata si è trasformata in tragedia. Un uomo di 47 anni è morto sul Brento (Trentino Alto-Adige) dopo essersi lanciato con il paracadute. La vittima è di origine straniera: al momento non si conosce altro della sua identità. Solo le indagini in corso saranno in grado di determinare il nome dello sportivo.

Inutili i soccorsi

Secondo quanto riportato dal sito ildolomiti.it, la tragedia si è verificata intorno alle 7 del mattino di domenica 21 Aprile 2019. Sul luogo dell’incidente sono subito giunti i Carabinieri della stazione di Dro e i sanitari con le ambulanze e l’elicottero di Trentino emergenza.

Nonostante tutti i tentativi effettuati dai medici per salvare la vita all’uomo, per il 47enne non c’è stato niente da fare.

I sanitari intervenuti non hanno potuto far altro che constatarne la morte. Le forze dell’ordine hanno iniziato ad effettuare tutti i rilievi del caso per cercare di capire l’esatta dinamica dell’incidente e accertarsi di eventuali responsabilità.

Stando ad una prima ricostruzione, l’ipotesi al momento più probabile è che lo sportivo si sia lanciato nel vuoto, molto probabilmente con il paracadute. Durante il lancio qualcosa non deve aver funzionato a dovere, provocando il terribile schianto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche