×

Maltempo a Pasquetta, vento a 113 km/h in Sicilia e Sardegna: i danni

170 interventi dei Vigili del Fuoco a Palermo, vento a 113km/h a Pantelleria, alberi spezzati e spiagge allagate in Sardegna: i danni del maltempo

Maltempo
Maltempo

L’arrivo di un vortice di bassa pressione sul mare di Alboran ha innescato un potente richiamo di correnti calde sub sahariane verso il mediterraneo centrale, avverte Meteo3B. Queste correnti trasportano ammassi nuvolosi stratificati anche compatti e sabbia in sospensione e stanno interessando gran parte della Penisola. Si tratta del prologo di un peggioramento annunciato per la giornata di Pasquetta, quando ai venti molto forti e alle nubi si aggiungeranno le piogge. Tuttavia, saranno proprio i venti a caratterizzare l’aspetto più significativo del peggioramento, poiché intensi e a tratti anche burrascosi, capaci di provocare mareggiate e disagi.

Fra Pasqua e pasquetta i primi danni hanno colpito Sicilia e Sardegna, con venti di Scirocco anche oltre i 100 km/h.

Per lunedì 22 aprile le previsioni meteo annunciano ancora forte vento nel palermitano, riferisce CefaluNews.org. Tuttavia, continua, dalla Protezione Civile siciliana non è stata emessa alcuna allerta. E’ allerta gialla, invece, nel Lazio e in alcuni bacini di Umbria e Molise, regioni su cui sono previsti forti temporali.

Maltempo, disagi in Sicilia

Numerosi i roghi che già nel pomeriggio di Pasqua hanno interessato boschi e macchia mediterranea. Per il forte vento di scirocco, le fiamme sono arrivate Villabate, Trabia, sull’autostrada Palermo-Catania, nei pressi di Termini Imerese. Ma anche a Misilmeri, Geraci siculo, Pollina, Partinico e Borgetto.

La tempesta di scirocco ampiamente annunciata per il giorno di Pasqua è arrivata al Sud Italia e ha investito in modo particolarmente intenso il Canale di Sicilia, dove il vento ha raggiunto i 113km/h a Pantelleria.

Tutte le isole del Canale (Pantelleria, Lampedusa, Linosa ma anche Malta) sono state colpite da furiose mareggiate nei loro settori esposti a sud, est e sud/est, informa tp24.it. Decine le chiamate ai Vigili del Fuoco in tutta la provincia di Trapani: pali della luce caduti, rami in strada, alberi strappati dal vento, cartelloni volati via. Disagi anche negli aeroporti. Traffico regolare all’aeroporto “Falcone-Borselino” a Palermo, dove sono stati registrati 170 interventi dei Vigili del Fuoco. Problemi invece nello scalo di Pantelleria dove sono già stati cancellati due voli. Interrotti i collegamenti marittimi con l’isola di Ustica. A Marsala, pericolo di crollo per il prospetto della Chiesa del Purgatorio, nell’omonima piazza.

Meteo pasquetta

L’avviso prevede per la tarda mattinata di pasquetta, venti forti o di burrasca sud-orientali, con raffiche fino a burrasca forte, su Sicilia e Calabria.

E mareggiate lungo le coste esposte, riferisce ancora tp24.it. Il tempo dovrebbe essere alternato fra schiarite e temporali, con le piogge che interesseranno quasi esclusivamente la Sicilia orientale. Tendenza invece ad ampie schiarite invece sulle province occidentali dell’Isola.

Solo Catania, la zona ionica e parte della costa messinese sul Tirreno potrebbero essere interessate dalle piogge, mentre sul resto della Sicilia le nubi e i piovaschi dovrebbero alternarsi a fasi di sole. Ma a farla da protagonista sarà comunque il vento.

Le temperature sono in aumento sull’area tirrenica con picchi localmente superiori ai 25-26°C. Massime decisamente più contenute lungo i litorali ionici, perlopiù nell’intorno ai 14-17°C. Come segnala 3bmeteo, bisognerà prestare attenzione ai venti di Scirocco, in sensibile rinforzo a partire dalle province tirreniche della Sicilia, con raffiche anche superiori ai 100 km/h tra messinese, palermitano e trapanese, con punte prossime ai 130-140 km/h sui crinali dei Nebrodi e dei Peloritani.

Maltempo, disagi in Sardegna

Il fortissimo scirocco che da domenica 21 aprile 2019 sta imperversando nel sud della Sardegna sta creando disagi e provocando non pochi danni, in particolare alle spiagge. Il Poetto di Cagliari dalla giornata di Pasqua è completamente allagato. L’acqua, infatti, è arrivata fino alla pista ciclabile. Le onde hanno raggiunto i 3 metri d’altezza. Mentre a Porto Giunco, Villasimius, hanno superato i 4 metri: la spiaggia è stata letteralmente sommersa e le onde sono arrivate fino allo stagno retrostante. Così riferisce La Nuova Sardegna.it

Molte strade di Sassari sono ricoperte di rami spezzati e foglie. Le raffiche di vento in città hanno raggiunto i 40 nodi (74km/h), mentre tra Stintino e l’Asinara hanno toccato punte di 50 nodi (92.6km/h). La situazione dovrebbe migliorare nel corso della serata di pasquetta. Ma da martedì 23 aprile, il vento cambierà in libeccio e anche in questo caso le raffiche saranno molto forti, in tutta la costa occidentale, soprattutto nel nord ovest. Per il 25 aprile, infine, è prevista una splendida giornata in tutta l’isola.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche