Isernia, bimbo cade e batte la testa: è grave | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Isernia, bimbo di 3 anni cade in casa: gravissimo
Cronaca

Isernia, bimbo di 3 anni cade in casa: gravissimo

ambulanza

Stava giocando quando è caduto battendo la testa. E' avvenuto a Isernia, e il bambino verserebbe in gravi condizioni.

Un bambino di 3 anni è rimasto gravemente ferito in seguito ad una caduta in casa. Il piccolo è stato portato d’urgenza al Veneziale di Isernia dove è stato valutato il suo quadro clinico e quindi il trasferimento al Santomobono di Napoli, dove è ricoverato in prognosi riservata. Al momento non è chiara la dinamica della caduta e non si sa se il bambino sia scivolato, mentre giocava, da un muretto o da una scala. La Squadra Molise si sta occupando della ricostruzione dei fatti e stando alle prime informazioni, a prestare soccorso al bimbo sarebbe stato il padre, un commerciante di origini egiziane, che ha fermato un autobus di linea di passaggio per chiedere aiuto e trasportare il figlioletto in ospedale.

Versa in gravi condizioni

Probabilmente il bambino era intento a giocare quando all’improvviso è caduto battendo violentemente la testa sul terreno. Il padre ha capito subito che le sue condizioni erano preoccupanti, motivo per il quale ha cercato aiuto.

Per strada passava un autobus, con a bordo alcuni passeggeri, che si è fermato e ha aiutato l’uomo accompagnandolo al pronto soccorso più vicino. Lì, al piccolo, è stato diagnosticato un trauma cranico.

Bimbo caduto a Roma, grave

Il grave incidente di Isernia arriva pochi giorni dopo quello di Roma, in cui è rimasto coinvolto un bambino di 8 anni. Il bambino era intento a giocare con i fratelli quando è precipitato dalla finestra, impattando il terreno in maniera violenta. Anche in questo caso il primo soccorritore è stato il papà del bambino, medico, in attesa del personale del 118 che ha predisposto l’intervento dell’elisoccorso per il trasporto al Policlinico Gemelli. Il bambino ha riportato fratture agli arti e al bacino e, probabilmente, altri danni su cui i medici non si sono voluti sbilanciare.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche