Incendio a Centocelle, in fiamme la caffetteria “Pecora elettrica”
Cronaca

Incendio a Centocelle, in fiamme la caffetteria “Pecora elettrica”

Centocelle, incendio nella caffetteria
Centocelle, incendio nella caffetteria

Gli abitanti l'hanno definita "un luogo di incontro di anime e di pensieri, un luogo in cui fare cultura e promuovere i talenti del territorio".

Paura nella notte a Centocelle, nella periferia orientale di Roma. Un incendio ha distrutto la caffetteria-libreria La pecora elettrica, situata in via delle Palme, si apprende da Il Messaggero. Le fiamme sono divampate intorno alle 3.30 della notte tra il 24 e il 25 aprile e hanno gravemente danneggiato l’entrata, la serranda e le vetrate del locale. Sull’episodio indagano i Carabinieri della stazione Centocelle, che al momento rifiutano di sbilanciarsi e hanno aperto un’indagine per stabilire l’origine del rogo.

L’incendio ha profondamente scosso la comunità del quartiere romano. Molti dei suoi abitanti hanno descritto così caffetteria come “un luogo di incontro di anime e di pensieri, un luogo in cui fare cultura e promuovere i talenti del territorio”.

Incendio alla sede della Lega

Pochi giorni prima, nella notte tra il 22 e il 23 aprile, a essere oggetto di un attacco è stata la sede della Lega di via Alessandro Farnese a Roma, nel quartiere Prati.

Una bottiglia incendiaria è stata lanciata contro l’ingresso dell’edificio, provocando un rogo che ha fortunatamente provocato danni limitati, riporta Il Messaggero. L’episodio è stato denunciato dal coordinatore regionale e vice capogruppo del Carroccio alla Camera, Francesco Zicchieri.

In una sua nota si legge: “Stanotte la nostra sede di via Alessandro Farnese è stata oggetto di un vile atto intimidatorio. Degli sconosciuti hanno lanciato una molotov contro il portone di ingresso. Fortunatamente, escluso il principio di incendio, la stessa non è esplosa, procurando solo lievi danni. Abbiamo costruito nel Lazio una realtà grandissima fatta di professionisti, mondo del volontariato, amministratori locali che finalmente stanno offrendo una speranza ai cittadini. I continui attacchi ai luoghi della democrazia dimostrano ancora di più il buon lavoro che stiamo portando avanti, sul quale non ci sarà intimidazione che tiene”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.