Paura in volo, uomo tenta di aprire il portellone dell'aereo | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Volo Londra-Pisa, paura a bordo: uomo tenta di aprire il portellone
Cronaca

Volo Londra-Pisa, paura a bordo: uomo tenta di aprire il portellone

volo londra pisa

Attimi di paura per i passeggeri del volo Londra-Pisa. Un uomo ha tentato di aprire il portellone del velivolo in alta quota.

Paura ad alta quota nel pomeriggio di mercoledì 24 aprile per i passeggeri del volo EasyJet decollato da Londra e diretto allo scalo di Pisa. Durante il volo, all’improvviso, un uomo con problemi psichici si è alzato e ha tentato di forzare l’apertura del portellone. “Un passeggero si è accorto di quello che stava succedendo e ha iniziato ad urlare richiamando l’attenzione di altre persone che si sono subito avventate sul 30enne immobilizzandolo” ha raccontato un medico che si trovava a bordo. Rientrato l’allarme, l’uomo, italiano, è stato sorvegliato dal personale di bordo fino all’atterraggio. E’ stato poi consegnato agli agenti della Polaria che non hanno preso provvedimenti a causa del suo quadro psichiatrico.

Un attacco di panico

Stando alle prime informazioni apprese, il volo era decollato attorno alle 14 da Londra e tutto stava procedendo regolarmente. Ad un quarto d’ora dall’atterraggio, però, il 30enne è stato probabilmente colto da un attacco di panico, si è diretto verso il portellone anteriore e ha tentato di forzarne l’apertura, provocando il terrore tra tutti i passeggeri.

Fortunatamente il peggio è stato evitato e l’uomo è stato immobilizzato prontamente. L’aereo è poi giunto a terra regolarmente a Pisa.

Nessuna querela

Nonostante il disagio creato a bordo, il comandante dell’aereo, in accordo con la compagnia, ha deciso di non sporgere querela nei confronti dell’uomo, in considerazione della sua situazione. L’unico provvedimento preso nei suoi confronti è l’inserimento del suo nome nella blacklist dei passeggeri sgraditi: l’uomo non potrà più viaggiare con EasyJet.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche