Rimini, studente cade dalle scale dopo un festino: è grave | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Studente vola giù dalle scale durante party con alcol e droga: in coma
Cronaca

Studente vola giù dalle scale durante party con alcol e droga: in coma

cocaina rimini

In una festa tra studenti a Rimini si è sfiorata la tragedia. Un ragazzo di 22enne è precipitato dalla scale, trovato dai medici in overdose.

Uno studente riminese di 22 anni è finito in coma dopo aver partecipato ad una festa. Il giovane è stato trovato dai sanitari in overdose, perché aveva assunto alcol e cocaina. L’allarme è scattato perché, forse in preda al delirio a causa di tali sostanze, il ragazzo è precipitato dalle scale. Aperto un fascicolo d’indagine: ascoltati tutti partecipanti al party.

L’incidente

“Correte, il nostro amico non respira. Si è gettato dalle scale“. E’ in questa maniera che è scattato l’allarme, attorno alle ore 4 del 15 maggio 2019. L’operatore del 118 raccoglie la chiamata e invia sul posto un’ambulanza. Chi ha chiamato però non sembra aver riferito immediatamente della gravità della situazione. A cadere per le scale infatti era stato uno studente riminese 22enne, al termine di un party a base di alcol e droga.

Il giovane è stato difatti trovato in overdose. Ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale “Infermi” di Rimini, il 22enne è stato trattato con farmaci usati per contrastare gli effetti dell’abuso di cocaina ma per il momento è in coma.

La prognosi rimane riservata, anche a causa dei vari traumi che lo studente ha riportato quando è precipitato nel vuoto.

Le indagini

Della vicenda è stata informata subito la Questura di Rimini, i cui agenti stanno cercando di ricostruire la dinamica di quanto accaduto dietro il coordinamento del sostituto procuratore, Luigi Sgambati. Importante prima di tutto stabilire chi ha portato la cocaina alla festa e dove è stata acquistata. Da comprendere inoltre il perché della tragica caduta. Ascoltati quindi tutti i partecipanti al party.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche