×

Patrick Majda ha perso la sua battaglia: è morto

In tanti si erano spesi per sostenere la causa di Patrick. Tra questi anche Gianni Morandi.

patrick majda

Il 40enne Patrick Majda, affetto da un’aggressiva forma di cancro al colon non ce l’ha fatta ed è morto nella serata di giovedì 16 maggio. L’annuncio del decesso è stato dato dalla moglie su Facebook. Il suo calvario era iniziato circa un anno e mezzo fa e le sue uniche speranze di sopravvivenza erano legate ad un viaggio oltreoceano che avrebbe dovuto intraprendere per raggiungere Philadelphia, dove avrebbe potuto sottoporsi a cure sperimentali che in Italia non possono essere somministrate. Le cure erano però costosissime, motivo per il quale Majda e la moglie, Luciana Greco, avevano lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme. L’obiettivo da raggiungere era fissato a 500 mila euro.

Tanti lo hanno sostenuto

Quella intrapresa da Patrick era una dura battaglia e tutti ne erano consapevoli.

Polacco di nascita ma bolognese d’adozione, Majda è stato affiancato nella sua lotta dalla moglie, dai parenti, dagli amici, ma anche da tanti sconosciuti, che comunque hanno voluto partecipare alla causa. Per Patrick si sono spesi anche alcuni volti noti tra cui Gianni Morandi e Stefano Mancinelli, capitano della Fortitudo. Il suo video appello era stato diffuso solo pochi giorni prima della morte, il 12 maggio, segno che la speranza è rimasta accesa fino all’ultimo.

L’annuncio

“Ieri sera – ha scritto la moglie venerdì mattina su Facebook -. purtroppo il sorriso di Patrick si è spento, ma il suo ricordo resterà per sempre vivo nel mio e spero anche nel cuore di tutti voi che ci avete sostenuto in questa maledetta battaglia”. Tantissimi i commenti e i messaggi di cordoglio: “Siete stati d’esempio a tutti noi.

Tieni duro in questi momenti difficili. Ciò che hai fatto farà in modo che la memoria di Patrick viva in tanti” si legge, o ancora: “Tu gli hai dimostrato tutto il tuo amore, non avresti potuto fare più di così. Patrick è stato una splendida persona. Veglierà su di te e ti proteggerà. E’ tutto molto difficile, estremamente triste e doloroso. Ti abbraccio forte”.


Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche