×

Caso Manuel Careddu, risate e canzoni dopo l’omicidio

Nelle intercettazioni si sente una minorenne ridere e un secondo imputato affermare: "Dovevi vedere come l'ho ridotto".

Intercettazioni Manuel Careddu
Intercettazioni Manuel Careddu

Emergono nuovi e agghiaccianti dettagli nel corso del processo per l’omicidio di Manuel Careddu, il 18enne di Macomer, in provincia di Nuoro, ucciso nel settembre del 2018. Il resoconto del massacro è emerso nell’aula del Tribunale per i Minori di Cagliari, informa Fanpage. Si aggrava la posizione di Christian Fodde (secondo l’accusa, l’esecutore materiale dell’omicidio) e della sua fidanzata, all’epoca 17enne. Una microspia, posizionata nella loro auto nell’ambito di un’altra indagine, ha rivelato agli inquirenti che la coppia, subito dopo aver tolto la vita a Manuel, ha ascoltato una canzone e si è lasciata andare alle risate.

Omicidio Careddu, le intercettazioni

Quello che è stato ribattezzato dai media come “il delitto del lago” ha scosso profondamente l’opinione pubblica della Sardegna e di tutto il Paese.

Cinque giovanissimi, di età compresa tra i 17 e i 20 anni, sono stati accusati di omicidio volontario pluriaggravato e di occultamento di cadavere. Un sesto imputato, Nicola Caboni, deve rispondere solo di soppressione di cadavere: grazie a un patteggiamento, sconterà 4 anni in carcere.

Secondo quanto emerso dalle ricostruzioni degli inquirenti, il branco aveva contratto un debito per l’acquisto di droga con il 18enne e gli ha teso una trappola sulle sponde del lago Omodeo. Christian Fodde l’ha portato sul luogo del massacro a bordo della sua auto e, aiutato dai complici, l’ha colpito con estrema violenza, utilizzando una pala e una piccozza. Poi, hanno seppellito il cadavere in un terreno nei pressi di Ghilarza.

A bordo dell’auto di Fodde viaggiava anche una giovane di 17 anni, considerata la “mente” dell’omicidio.

È proprio lei a canticchiare sulle note di Amore e capoeira, suscitando le risate del fidanzato. Tra un canto e una risata, Fodde inizia a parlare di Careddu e rivela: “Dovevi vedere come l’ho ridotto“.

Il processo

Per gli imputati minorenni, l’udienza è aggiornata al prossimo 29 maggio. L’avvocato della ragazza ha presentato istanza di abbreviato condizionato alla trascrizione delle intercettazioni. La medesima richiesta è stata avanzata anche dal legale dell’altro minorenne, ma condizionata a una perizia di valutazione del suo grado di maturità. I maggiorenni, invece, saranno giudicati con rito abbreviato e compariranno avanti al gup di Oristano il 5 giugno.


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Caricamento...

Leggi anche