×

Testimone di Geova pensa al suicidio: “O me ne vado o mi ammazzo”

Maru si sentiva oppressa dalla sua stessa religione: per questo motivo, dopo 50 anni da testimone di Geova ha lasciato la congregazione

maru
maru

Maru è una donna di 69 anni nata a Norimberga. Da quando aveva 14 anni è entrata nella congregazione dei testimoni di Geova: a darle gli insegnamenti religiosi è stata la nonna. Il suo battesimo l’ha inserita nella comunità dove ha conosciuto anche il futuro marito. Poi, però dopo un matrimonio difficile e la perdita del rapporto con i figli ha deciso di lasciare la religione. In un’intervista ha deciso di raccontare la sua storia.

La storia di Maru

Maru ha avuto un’infanzia difficile: a 14 anni è stata battezzata e ha ricevuto dalla nonna molti insegnamenti importanti. “I miei genitori non erano sposati: mia madre aveva una vita un po’ turbolenta e, quando sono nata, mio padre è sparito. Sapevo solo che era italiano, nient’altro”.

Poco dopo il battesimo, Maru ha perso la nonna ed è andata a vivere in una congregazione. “Gli ero molto riconoscente perché mi davano ospitalità; solo dopo ho scoperto che lo Stato dava loro dei soldi per il mio mantenimento”.

Un matrimonio difficile

Nel 1966, durante una manifestazione nazionale dei testimoni di Geova, Maru ha conosciuto il futuro marito, che ha sposato a 17 anni. Lei stessa racconta di aver avuto un matrimonio difficile: “Mio marito era un anziano di congregazione e se con i fedeli mostrava un volto quando ritornavamo a casa era un pezzo di ghiaccio. Insegnava come rendere felice la vita familiare agli altri però con me era distante, quasi fosse un’estranea. Per i testimoni di Geova la donna non ha molto valore e di conseguenza lui mi ha sempre trattata quasi con disprezzo”.

Maru si pente di essere rimasta con lui per 35 anni. Da quando i due si sono lasciati, i tre figli di Maru non le hanno più rivolto la parola.

Il distacco dalla congregazione

Nel 2002 Maru decide di lasciare la congregazione. “Mi sentivo oppressa, non ce la facevo più a sopportare tutte quelle regole che mi imponevano di vestirmi o di comportami in un certo modo. Mi sentivo come un robot anche quando andavo in predicazione. Non potevo mai usare parole mie ma solo quelle che mi erano state insegnate. Ero molto zelante nella mia congregazione però mi rimproveravano spesso dicendo che quello che facevo non era abbastanza”. Così, dopo 50 anni da testimone di Geova, Maru abbandona la religione e perde il rapporto con i suoi figli.

L’idea del suicidio

Afflitta dal dolore, Maru non vede altra alternativa se non quella di togliersi la vita.

“Ero così disperata che pensavo di prendere un coltello e farla finita. Mi sono detta ʻO me ne vado o mi ammazzo’. E’ stato in quel momento che ho deciso di allontanarmi dai testimoni di Geova”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche