Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Bambino muore folgorato, fatale una lampada modificata
Cronaca

Bambino muore folgorato, fatale una lampada modificata

Una lampada modificata è stata letale per Oliver Walker, bambino del Regno unito. Inutili i tentativi di rianimarlo.

Un bambino di quattro anni, Oliver Walker, è morto folgorato accendendo, una lampada, nel 2017 in una fattoria a Keighley, località dello Yorkshire occidentale (Regno Unito). A scoprire il piccolo in fin di vita nella roulotte, dove il bambino teneva i suoi giocattoli, è stata la madre. La corte di Bradford, a un anno e mezzo di distanza, ha stabilito le cause della morte e difetti della lampada che hanno portato alla folgorazione del bambino.

Dinamica dell’incidente

Il piccolo Oliver ha toccato una lampada, modificata per essere utilizzata come un alimentatore da 12 volt bypassando un trasformatore alla base. Proprio queste modifiche, secondo quanto stabilito dalla Corte di Bradford, sarebbero state letali per il bambino che si trovava nel caravan, visto che la sua stanza, come in tutta la casa dove viveva con i genitori, era in ristrutturazione.

La tragica scoperta

A scoprire il figlio folgorato è stata la madre, Charlotte che, passati i primi istanti dove ha pensato che il bambino stesse giocando, si è resa conto della gravità della situazione e ha provare a rianimare Oliver, con ancora la lampada tra le mani, mentre suo zio, allertato, ha iniziato a chiamare il 999, il numero per le emergenze in tutti i Paesi anglosassoni.

La dichiarazione del funzionario del coroner Bernard Tate, rilasciata alla corte di Bradford, ha ricostruito con precisione il momento in cui Oliver è stato trovato dalla madre: ” (ndr.La madre) inizialmente pensava stesse giocando.

Quando ha realizzato cosa era successo ha iniziato ad urlare verso Ben (ndr. Lo zio). ben ha chiamato il 999 e ho iniziato a rianimarlo. Ho continuato fino a quando i paramedici hanno preso il sopravvento”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche