Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Roma, arrestato lo sciacallo che rubò il portafogli al ciclista ucciso
Cronaca

Roma, arrestato lo sciacallo che rubò il portafogli al ciclista ucciso

In corso gli accertamenti per l'arresto dell'uomo che derubò il ciclista travolto e ucciso il 17 Maggio 2019

A Roma, precisamente in Via Tiburtina, il 17 Maggio 2019 un ciclista è morto, poco dopo le 14, dopo essere stato investito da un Tir. In quell’occasione un ladro ha pensato di approfittare della situazione e sfilare il portafogli al morto, effettuando due prelievi.

L’identificazione

A Guidonia, gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale hanno fermato il sospettato a seguito di una complessa indagine, in cui hanno incrociato la visione di oltre venti telecamere di sicurezza intorno alla banca dove sono avvenuti i prelievi. Ora il sospettato si trova presso gli uffici del IV Gruppo Tiburtino per ulteriori accertamenti a conferma della sua colpevolezza.

Il comandante della polizia di Roma Capitale, Antonio Di Maggio, ha commentato così l’accaduto: “Voglio complimentarmi con gli agenti del IV Gruppo Tiburtino, non è stato facile risalire alla persona che ha compiuto questo furto. Un gesto ignobile, viste le circostanze in cui è avvenuto, pochi minuti dopo un tragico incidente, e che qualifica l’uomo che abbiamo identificato.

Mi congratulo anche alla luce della complessità dell’indagine svolta, perchè solo l’elevata professionalità che gli operatori hanno dimostrato ha permesso di individuare il responsabile e fare giustizia su un fatto così grave”.

La vicenda

Mentre il corpo di Fulvio di Simone era ancora a terra, schiacciato sotto il peso del camion, uno sciacallo si è avvicinato e lo ha derubato.Il malvivente ha sottratto il portafogli dalla tasca del 54enne e, solo pochi minuti più tardi, ha effettuato due prelievi al bancomat di via dei Monti Tiburtini, per una cifra complessiva di 500 euro.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche