Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Imperia, 50enne aggredisce due controllori: “Vi ammazzo, tanto vi conosco”
Cronaca

Imperia, 50enne aggredisce due controllori: “Vi ammazzo, tanto vi conosco”

autobus

Il 50enne è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio, oltraggio a Pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.

La spiacevole vicenda è avvenuta su un autobus della Rt in una piazza della provincia ligure. Un uomo 50enne di origini albanesi si è scagliato con violenza contro due controllori dopo che era stato sorpreso senza biglietto a bordo della vettura pubblica. La furia del passeggero irregolare ha spaventato le persone che viaggiavano sul bus e l’autista, che si è fermato e ha chiesto soccorso alle forze dell’ordine. Il 50enne è stato accompagnato negli uffici della Questura per le procedure del caso e, dopo gli accertamenti, è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio, oltraggio a Pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. I due controllori, invece, hanno riportato escoriazioni e arrossamenti sul collo che sono stati prontamente medicati dopo l’aggressione.

L’aggressione

I due controllori erano saliti a bordo dell’autobus e avevano chiesto il ticket al passeggero albanese. Quest’ultimo, dopo avere dichiarato di non esserne provvisto, si è rifiutato di dare le proprie generalità ai dipendenti.

Non solo: in reazione alle osservazioni dei controllori, il 50enne ha iniziato ad alzare la voce e a insultarli, minacciandoli. “Vi ammazzo, tanto vi conosco” avrebbe detto davanti ai presenti impauriti. Allora avrebbe aggredito fisicamente i dipendenti prendendoli per il collo e scuotendoli. L’autista dell’autobus avrebbe dunque arrestato la corsa in viale Matteotti per chiedere aiuto alla polizia.

L’aggressore non si sarebbe placato neppure in seguito all’intervento degli agenti, urlando insulti e dimenandosi quando i poliziotti hanno cercato di bloccarlo.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche