> > Pulizie gratis a studenti e lavoratori fuori sede: le motivazioni

Pulizie gratis a studenti e lavoratori fuori sede: le motivazioni

pulizie

A Roma un post tra universitari diventa virale. Un ragazzo offre pulizie gratuite a tutti gli studenti e lavoratori fuori sede.

A Roma un post su Facebook nell’ambiente universitario è diventato virale.

Un ragazzo si è offerto di pulire casa senza un ritorno economico a studenti e lavoratori fuori sede. O meglio il ragazzo sarebbe disposto anche a pagare.

Le spiegazioni

“Ciao offro pulizie gratis per studenti e lavoratori fuori sede. Non voglio nulla in cambio, anzi, sono disposto a pagare io. Solo ragazzi, proposta seria”. Queste le parole del post che hanno lasciato a bocca aperta la gran parte della community universitaria romana.

I commenti e le risposte si dividono in due grandi macro fazioni. Da una parte gli scettici che intravedono in questa richiesta solo un desiderio di entrare in casa di ragazzi sconosciuti dall’altra i curiosi, che hanno già prenotato e usufruito dell’aiuto del ragazzo per le loro case in perenne subbuglio.

Le parole del diretto interessato

Il ragazzo senza voler rivelare la sua identità, ha spiegato i motivi di questa quantomeno ambigua richiesta: “Sono gay, mi piace la sottomissione e fare lo schiavo.

Trovo appagante andare a casa di ragazzi eterosessuali e spaccarmi la schiena per loro, così che possano rilassarsi e non fare niente“.

Le motivazioni del ragazzo hanno un senso di ricerca ben più profondo di quello che traspare, durante le sue confidenze infatti racconta che non è una cosa nuova esistono infatti svariati gruppi di sottomissione o per gay, ma non specifici per chi chiede di fare le pulizie gratuitamente o addirittura pagando.

“Ho trovato altri post con richieste simili. Io l’ho già fatto più volte a Milano e a Roma ed un mio amico fa lo stesso da tempo a Bologna. Naturalmente all’inizio i ragazzi non si fidano: mi mandano dei messaggi privati e parliamo al telefono prima. Quando capiscono che sono una persona normale decidiamo di prendere un caffè così gli spiego tutto”.