Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Aprilia, gatto scuoiato e arrostito da un senzatetto
Cronaca

Aprilia, gatto scuoiato e arrostito da un senzatetto

Campoleone, in un parcheggio della stazione un senzatetto ha scuoiato e bruciato un gatto nel tentativo di mangiarlo.

Un gesto senza pietà, senza ogni scrupolo. Nella stazione di Campoleone, frazione di Aprilia, in provincia di Latina, un uomo ha scuoiato e arrostito un gatto per mangiarlo.

Il degrado

Il fatto risale al 5 Giugno 2019 quando un abitante della piccola cittadina ha ripreso con il cellulare la raccapricciante scena. Un uomo, probabilmente senza fissa dimora, stava arrostendo un gatto nel parcheggio della stazione di Campoleone. Degrado, sporcizia, paura. Queste sono le parole che i cittadini usano per descrivere quella zona. Teatro di numerosi furti, scippi e casa per centinaia di randagi. La scena ha lasciato senza parole ogni abitante, ogni militante delle forze dell’ordine che da anni lottano per riqualificare il sito.

Le parole della LAV

La Lega Anti Vivisezione ha ricevuto il video e ha pubblicato un frame con una fotografia dell’accaduto. Ancora increduli hanno deciso di ascoltare la testimonianza dell’uomo. Secondo le sue parole il gatto sarebbe stato investito da un auto, quindi al momento del suo ritrovamento l’animale era già privo di vita.

Tesi però non ancora confermata. Per unirsi all’appello dei cittadini la Lav ha dichiarato di voler sostenere la protesta, chiedendo al Sindaco del Comune di Aprilia, ai Comandi dei Carabinieri e della Polizia di competenza territoriale, maggiori controlli, ronde di accertamento e azioni specifiche per salvaguardare gli animali presenti sul territorio ormai lasciato allo sbando da svariati decenni.

Attualmente i randagi presenti nella zona della stazione sono regolarmente nutriti e accuditi dai cittadini, stanchi però della solita solfa invocano a gran voce un cambiamento.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche