Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Addio a Enrico Nascimbeni, cantautore e giornalista veronese
Cronaca

Addio a Enrico Nascimbeni, cantautore e giornalista veronese

enrico nanscimbeni

Enrico Nascimbeni è morto a Milano all'età di 59 anni a causa di un malore: il cantautore e giornalista si batteva per la libertà e l'uguaglianza.

Lo scrittore e cantautore Enrico Nascimbeni è morto all’età di 59 anni a Milano a causa di un malore. Originario di Verona, si è battuto per i diritti della comunità Lgbt e di altre minoranze. Nel 2018 aveva denunciato un’aggressione da parte di un gruppo di neofascisti. La moglie Pat Vetti ha ricordato sui social il marito: “Ora vola libero e a tutti manda il suo abbraccio di libertà”.

La carriera di Nascimbeni

Nato a Verona il 20 novembre 1959, Enrico Nascimbeni dopo essersi laureato in Lettere Moderne e Filosofia ha iniziato la sua carriera come giornalista nel 1985, ripercorrendo le orme del padre, Giulio Nascimbeni. Si è occupato di cronaca nera e di cronaca giudiziaria per “Il Corriere della Sera”, “Il Giorno”, “L’Arena”, “L’Indipendente”, “Studio Aperto”, “Verissimo” e “Sette”. In particolare ha trattato l’inchiesta di Mani Pulite ed è stato inviato speciale durante la guerra dei Balcani a Sarajevo, quella in Libano e anche nella guerra a Kabul in Afghanistan.

Per quanto riguarda la carriera musicale, l’esordio risale al 1979 con l’album “Maracaibo”, a cui ne sono seguiti altri nove. Da autore, è celebre la collaborazione con Roberto Vecchioni, con cui ha scritto tra le altre “Vincent” e “L’ultima notte di un vecchio sporcaccione”, ma ha scritto brani anche per Paola Turci, Syria, Mango, Francesco Baccini, Mietta e Marco Carta. Si è anche occupato della traduzione in italiano di brani di Tom Waits, Leonard Cohen e Suzanne Vega. Si è sempre battuto per la libertà e l’uguaglianza: un anno fa aveva denunciato un’aggressione da parte di un gruppo di neofascisti. La moglie Pat Vetti gli ha dedicato delle parole toccanti sui social: “Enrico ora è un aquilone. Ha scelto di sbagliare, le parole sono sue, assieme a quella grande umanità composta di amori, affetti, amicizie, poesie, canzoni”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche