Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Disabile di 41 anni trovato morto davanti casa sua a Palermo
Cronaca

Disabile di 41 anni trovato morto davanti casa sua a Palermo

disabile-palermo

Stando al racconto dei familiari, l'uomo sarebbe uscito giovedì sera per incontrarsi con un conoscente e da allora non sarebbe più tornato a casa.

Un disabile di 41 anni è stato trovato privo di vita sul pianerottolo di via IV Novembre 64 a San Cipirello, in provincia di Palermo. L’uomo, che risponde al nome di Nunzio Agnello, è stato rinvenuto con delle ferite al volto e agli arti, anche se è ancora prematuro parlare di aggressione. A lanciare l’allarme questa mattina è stato il fratello del disabile, Giuseppe Agnello.

Ignote le cause del decesso

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Monreale e gli uomini della polizia scientifica. Nel frattempo il pubblico ministero ha disposto l’analisi del cadavere eseguita dal medio legale. Per poter accertare le cause della morte, sarà tuttavia necessario attendere i risultati dell’autopsia.

Secondo quanto raccontato dai familiari della vittima, l’uomo sarebbe uscito di casa giovedì sera alle 19 e 45, dopo aver ricevuto una telefonata. Affetto da una leggera disabilità, Nunzio Agnello viveva nella casa di via Sandro Pertini assieme alla madre Rosa, al fratello Giuseppe e alla sorella Giovanna.

Il racconto dei familiari

Come raccontato dai familiari ai giornalisti del quotidiano locale Vallejatonews, giovedì sera Agnello avrebbe dovuto avere un appuntamento con un conoscente.

Da allora però di lui non si seppe più nulla. Il giorno seguente la sorella Giovanna avrebbe più volte tentato di chiamarlo al telefono, ma senza successo: Risultava irraggiungibile e avevamo già in mente di sporgere denuncia per la sua scomparsa”.

Solo nella mattinata di sabato è arrivata la tragica scoperta. Il ritrovamento è stato fatto dal fratello Giuseppe mentre si dirigeva nell’altra abitazione della famiglia sita in via IV Novembre: “Ero andato come ogni mattina a controllare la casa che abbiamo qui vicino. Ho sentito cattivo odore e ho visto il corpo di mio fratello per terra davanti la porta, nascosto dietro al muretto. Così ho chiamato i soccorsi”. Tra le ipotesi vagliate al momento dagli investigatori c’è anche quella che l’uomo sia stato ucciso in un altro luogo e poi portato solo in seguito davanti casa sua.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche