Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Incidente stradale sull’autostrada A4: morta una donna
Cronaca

Incidente stradale sull’autostrada A4: morta una donna

sinistro

Il sinistro si è verificato durante un'operazione di disinnesco di un ordigno bellico trovato in un campo ad Adro.

La tragedia è avvenuta la mattina del 16 giugno 2019, intorno a mezzogiorno. Una donna di 44 anni è morta in un grave incidente stradale sull’autostrada A4 sulla carreggiata in direzione Venezia, all’altezza di Dalmine, in provincia di Bergamo. L’auto sulla quale viaggiava si è ribaltata dopo avere urtato un ostacolo non identificato, per cause ancora da accertare. Nello schianto, inoltre, sarebbe rimasto gravemente ferito un 32enne. L’Areu ha inviato sul luogo dell’incidente un elicottero, due ambulanze e un’automedica per il soccorso delle vittime. L’uomo rimasto leso è stato caricato sull’elicottero e trasportato in ospedale, dove si trova in gravi condizioni di salute. La circolazione sull’autostrada è andata in tilt: la A4 era già interessata da chiusure su alcuni tratti per le operazioni di disinnesco di un ordigno bellico della Seconda Guerra mondiale trovato in un campo ad Adro.

Le dinamiche

Sul posto si sono precipitate anche le forze dell’ordine, che hanno raccolto i rilievi necessari alla ricostruzione delle dinamiche del terribile incidente stradale.

I carabinieri del comando provinciale di Bergamo stanno cercando di capire cosa abbia portato l’auto coinvolta a sbandare per poi ribaltarsi e che tipo di ostacolo abbia provocato il sinistro.

Le lunghe operazioni di soccorso hanno comportato diversi disagi per quanto riguarda la viabilità, con incolonnamenti tra Dalmine e Capriate. La bomba è stata estratta dagli artificieri dell’Esercito, ma restano ancora chiusi alcuni tratti della A4, precisamente tra Seriate e Rovato in direzione Venezia e tra Castegnato e Ponte Oglio in direzione Milano.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche