Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Madre ritrova il cellulare rubato, cancellate le foto del figlio morto
Cronaca

Madre ritrova il cellulare rubato, cancellate le foto del figlio morto

Salerno, ritrovato cellulare madre figlio morto
Salerno, ritrovato cellulare madre figlio morto

Un nuovo dolore per Tiziana Morra, dopo la scomparsa del figlio Alessandro a soli 13 anni a causa di un diabete giovanile.

È un dramma senza fine quello di Tiziana Morra, la madre di Alessandro Farina, scomparso a soli 13 anni per un diabete giovanile. Al dolore per la morte del figlio in così tenera età si è unito quello della perdita del cellulare a Cava de’ Tirreni, informa Fanpage. Non è stata la perdita materiale a preoccupare la donna quanto quella delle foto salvate sul telefono, tra cui si trovavano anche quelle scattate ad Alessandro insieme ai suoi fratelli prima di quel tragico 27 dicembre 2017. Per questo Tiziana ha lanciato un appello tramite i social e la stampa locale. Ma quando il cellulare è finalmente tornato tra le sue mani la donna si è accorta che le foto erano state cancellate.

L’appello di Tiziana

Il mese di giugno era appena cominciato quando Tiziana si è accorta di aver perso quel telefono per lei tanto prezioso sul piano emotivo. “Purtroppo oggi sono 8 giorni che non ho più il cellulare, anzi quel cellulare dove c’erano i nostri ricordi, i nostri messaggi”, scriveva su Facebook poco più di una settimana più tardi.

“Il mondo intero ha condiviso questo dolore dandomi consigli come recuperare i dati e trasmettendomi affetto. Ma purtroppo c’è ancora gente senza cuore, senza rispetto per il dolore degli altri. Il telefono non è stato trovato, ho ricevuto la microsd ma il resto no. Non ci posso credere. Su quel cellulare stavano i messaggi vocali e le foto, ma per questa persona il valore di quel cellulare era più grande del mio dolore. Gli avrei fatto un regalo in denaro oppure comprato il cellulare, ma ha preferito farmi del male. Penso che la cattiveria umana non abbia limite”.

In un disperato tentativo, la donna ha lanciato un appello anche tramite Chi l’ha visto e il quotidiano Salerno Today, un cui lettore si è offerto di pagare una ricompensa fino a mille euro in cambio della restituzione del cellulare.

Il ritrovamento

Ma pochi giorni dopo le speranze di Tiziana si sono infrante. La donna ha annunciato su Facebook: “Dopo tante ricerche e chiamate insieme a un mio carissimo amico di famiglia, siamo riusciti a ritrovare il telefonino.

Ma una volta acceso con grande dolore e amarezza abbiamo scoperto che è stato resettato. Tutto cancellato. Purtroppo chi lo ha preso non ha dato valore ai contenuti, pur sapendo di chi era e il mio dolore. Non ho più parole, persone senza cuore. Delusa”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in Lettere moderne presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in Lettere moderne, con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.