Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Lonato del Garda: giovane in fin di vita nel rimessaggio barche
Cronaca

Lonato del Garda: giovane in fin di vita nel rimessaggio barche

lonate del garda giovane rimessaggio barche

Drammatico ritrovamento a Lonato del Garda: un 18enne è stato ritrovato in gravi condizioni all'interno di un rimessaggio barche.

Domenica 16 Giugno 2019 un ragazzo di 18 anni è stato trovato in fin di vita in un rimessaggio barche situato sulle sponde del lago di Garda. Il giovane, di cui ancora non si conosce l’identità, presentava sul corpo delle ferite piuttosto serie. La vittima attualmente si trova ricoverata in gravi condizioni al Civile di Brescia.

Stando a quanto riportato dal sito fanpage.it, l’inizio della vicenda è da ricondurre nelle prime ore del pomeriggio di domenica quando, all’interno del rimessaggio barche “Lonatino” a Lonato del Garda, il giovane è stato ritrovato privo di sensi. I soccorritori del 118 sono subito giunti sul posto con due ambulanze.

Indagano i Carabinieri

La gravità della situazione ha indotto i medici a richiedere l’ausilio di una eliambulanza per poter effettuare il trasporto del ragazzo nelle migliori condizioni possibili. Oltre alle ferite evidenti il 18enne al momento dell’arrivo dei paramedici era in arresto cardiaco. I medici hanno effettuato tutte le operazioni necessarie per rianimarlo.

Quando le sue condizioni si sono stabilizzate, il giovane trasportato d’urgenza a bordo dell’elicottero agli Spedali Civili di Brescia, dove è arrivato in codice rosso.

Sul posto sono giunte anche le forze dell’ordine per effettuare tutti i rilievi del caso. Solo in questo modo sarà possibile ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto. In base ad un prima ipotesi, si è pensato che il giovane fosse rimasto vittima di un incidente mentre lavorava ad una barca nel rimessaggio. Questa eventualità però ha trovato la smentita da parte dei carabinieri di Desenzano ai quali è chiesto di fare luce su quanto accaduto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche