Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Maturità 2019, Rita Dalla Chiesa e la traccia sul padre: “Orgogliosa”
Cronaca

Maturità 2019, Rita Dalla Chiesa e la traccia sul padre: “Orgogliosa”

Maturità, Rita dalla Chiesa
Maturità, Rita dalla Chiesa

La figlia del generale ucciso dalla mafia ha definito la scelta del Miur "un bel segnale per i ragazzi, sono veramente felice".

La drammatica vicenda di suo padre, Carlo Alberto Dalla Chiesa, è uno dei simboli nazionali della lotta alla mafia, a cui sono dedicate piazze e scuole in tutto il Paese. Oggi il generale ucciso dalla criminalità organizzata è entrato a far parte delle tracce della maturità 2019, tra i protagonisti (insieme a Gino Bartoli) del tema di attualità. Una scelta di cui gioiscono in molti, a cominciare dalla figlia Rita Dalla Chiesa. Ai microfoni dell’Adnkronos la conduttrice ha definito la decisione del Miur motivo di “orgoglio puro ed è un bel segnale anche per tutto il lavoro che stanno facendo gli insegnanti nelle scuole, in particolare in Sicilia, su mio padre e sul suo lavoro”.

La figlia: “Sono veramente felice”

“Oggi i ragazzi sanno chi è mio padre”, continua Rita Dalla Chiesa senza nascondere la felicità. “Ne parlano a scuola e in famiglia. È un pezzo della storia d’Italia, è il mio cuore. Ribadisco, sono veramente orgogliosa di questa scelta.

Non vedo l’ora di dirlo al mio nipotino di 11 anni che sa tutto. Sono veramente felice, è davvero un bel segnale per i ragazzi”.

Maturità 2019, tutte le tracce

Accanto a quella sul generale Dalla Chiesa, tra le tracce della tipologia C i maturandi 2019 hanno trovato anche un articolo del giornalista Cristiano Gatti sulla vita di Gino Bartoli. Il ciclista è noto non solo per i suoi meriti sportivi ma anche per il suo ruolo nella seconda guerra mondiale, quando ha salvato numerosi ebrei dalle persecuzioni razziali.

Per la tipologia B, quella del tema argomentativo, la scelta è ricaduta su Corrado Stajano (Eredità del Novecento), Steven Sloman e Philip Fernbach (L’illusione della conoscenza) e Tomaso Montanari (Istruzioni per l’uso del futuro. Il Patrimonio culturale e la democrazia che verrà).

Infine, gli studenti che vogliano cimentarsi nell’analisi del testo possono scegliere tra una poesia di Giuseppe Ungaretti (Risvegli da Il porto sepolto) e un brano tratto da Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.