Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Auto in fiamme davanti all’ambasciata: arrestato piromane a Roma
Cronaca

Auto in fiamme davanti all’ambasciata: arrestato piromane a Roma

incendio-roma

Intorno alle 14 del 19 giugno un uomo di nazionalità sudanese ha dato fuoco ad alcune auto di fronte all'ambasciata degli Emirati Arabi Uniti.

Attimi di panico a Roma nel primo pomeriggio di mercoledì 19 giugno. Un uomo di nazionalità sudanese ha infatti dato fuoco ad un paio di automobili parcheggiate di fronte all’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti, sita in piazza della Croce Rossa nella zona di Porta Pia. L’immediato intervento delle Forze dell’Ordine ha contribuito a tranquillizzare i passanti ed i residenti del quartiere, che temevano di trovarsi di fronte ad un attacco terroristico.

La dinamica del gesto

Stando ad alcune testimonianze l’uomo avrebbe agito con totale disinvoltura nonostante fosse osservato da decine di persone. Il sudanese ha infatti inizialmente cosparso con della benzina una prima auto parcheggiata sotto la recinzione esterna dell’ambasciata, dandola alle fiamme con un pezzo di cartone. In seguito si sarebbe diretto verso un’altra vettura a pochi metri di distanza, lungo l’incrocio tra viale del Policlinico e piazza della Croce Rossa, appiccando il fuoco anche in questo caso.

Subito arrestato il piromane

Giunti sul posto assieme agli uomini dei Vigili del Fuoco, gli agenti delle Forze dell’Ordine sono riusciti in poco tempo a fermare ed arrestare il piromane, trasportato nel vicino commissariato di Porta Pia.

Secondo quanto riportato da Fanpage.it, l’uomo non avrebbe avuto con se documenti che potessero consentirne l’identificazione.

Le uniche cose certe al momento è che si tratterebbe di un rifugiato che aveva recentemente fatto richiesta di protezione internazionale presso l’ambasciata del Sudan. Ambasciata situata a pochi metri da quella degli Emirati Arabi Uniti presa di mira. L’uomo rischia ora di essere denunciato per incendio doloso, non prima però che la polizia riesca a capire la sua identità ed a chiarire le motivazioni che lo hanno spinto a questo folle gesto.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche