Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Torvaianica, l’omicida di Maria Corazza è morto con lei tra le fiamme
Cronaca

Torvaianica, l’omicida di Maria Corazza è morto con lei tra le fiamme

Un dettaglio che non è passato inosservato agli agenti di polizia potrebbe definire una svolta nelle indagini sul giallo di Torvaianica.

Un particolare che rende più chiara la dinamica dei fatti sul rogo di Torvaianica. Proviene dalle immagini di una stazione di servizio poco distante e non sembra lasciare spazio a dubbi. Domenico Raco aveva premeditato di uccidere Maria Corazza.

Il video incriminante

Alle prime luci dell’alba di venerdì 14 Giugno 2019, circa due ore e mezzo prima che divampasse il rogo nella Ford Fiesta, in via di San Pancrazio a Torvaianica dove sono stati trovati senza vita e carbonizzati Maria Corazza e Domenico Raco. L’uomo infatti sarebbe stato ripreso dalle videocamere del distributore di benzina mentre riempiva una tanica fino all’orlo. Questo particolare non è passato inosservato tra gli agenti che lavorano al caso e farebbe pensare a tutti gli effetti ad un femminicidio suicidio.

Le prime ricostruzioni

Secondo le prime indagini la donna avrebbe rifiutato le continue e pesanti avances di Domenico Raco detto “Mimmo il calabrese” scatenando così l’ira funesta e omicida dell’uomo considerato un amico di famiglia.

L’uomo viveva a Torvaianica da oltre 10 anni dopo aver abbandonato la Calabria, sua terra natìa.

L’uomo si era spostato a Roma dal momento che dov’era prima non c’era un briciolo di speranza per il suo futuro. Nel romano viveva con sua nipote e con la sua sorella disabile a cui prestava supporto.

Per conoscere alcuni particolari aggiuntivi del caso denominato “Giallo di Torvaianica” si dovranno aspettare i risultati dell’autopsia disposta sul corpo delle vittime ed eventuali ritrovamenti da parte della scientifica.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche