Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Pistoia, ubriaca a scuola e umiliata: bocciata con i bulli
Cronaca

Pistoia, ubriaca a scuola e umiliata: bocciata con i bulli

ubriaca e bullizzata

A Pistoia il consiglio di classe ha deciso di bocciare una ragazza che si era ubriacata a scuola e i tre compagni che l'avevano bullizzata a marzo.

Quattro studenti di una classe del Liceo artistico “Policarpo Petrocchi” di Pistoia sono stati bocciati. Il provvedimento è stato preso dopo che il 28 marzo una quindicenne si era ubriacata a scuola, dopo aver organizzato un festino alcolico, ed era stata bullizzata da tre suoi compagni.

L’atto di bullismo

Secondo quanto ha riferito Il Tirreno, il giorno dell’assemblea d’istituto la ragazzina aveva portato whisky e birra a scuola e dopo aver bevuto per tutta la mattina si era sentita male. Aveva nascosto l’alcol nello zaino prima di entrare nell’edificio, che si trova vicino alla stazione ferroviaria di Pistoia. Tre compagni di classe, che, secondo quanto hanno riferito i poliziotti, l’avrebbero aiutata, verso mezzogiorno hanno cominciato a legarla con del nastro adesivo e a ricoprirla di insulti, approfittando della sua ubriachezza. Inoltre dopo averla portata in giardino, l’hanno fatta rotolare nell’erba e le hanno disegnato scritte offensive e un fallo sul viso con un pennarello.

Hanno ripreso tutto ciò che era successo e l’hanno pubblicato sulle loro Instagram Stories. A marzo i 4 erano stati puniti dal consiglio d’istituto con la sospensione fino al termine dell’anno scolastico. Secondo il consiglio di classe la punizione non è stata sufficiente: perciò ha deciso di bocciare sia la vittima sia i colpevoli dell’episodio di bullismo, che erano insufficienti in condotta. Anche altri quattro studenti erano stati puniti a marzo per non essere intervenuti a fermare i ragazzi. Paradossalmente, il tema della lotta al bullismo era previsto tra quelli da trattare nell’assemblea d’istituto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche