Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Palermo, rifiuta di pagare parcheggiatore abusivo: uomo preso a pugni
Cronaca

Palermo, rifiuta di pagare parcheggiatore abusivo: uomo preso a pugni

parcheggiatore abusivo

Fondamentale l'intervento di alcuni passanti che hanno difeso il giovane.

Rifiuta di pagare il parcheggiatore abusivo e viene preso a pugni. E’ quanto accaduto a Palermo, in un parcheggio comunale della città. La vittima, giunta al Pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia per farsi medicare, ha raccontato ai poliziotti di aver trovato l’aggressore ad aspettarlo davanti la vettura. A fermare l’uomo alcuni passanti che sono intervenuti per difendere il giovane nella macchina.

Pugni e gomitate

Ha dello sconcertante quanto avvenuto a Palermo nella giornata di venerdì 21 giugno. Un uomo è stato aggredito e minacciato di morte da un parcheggiatore abusivo dopo essersi rifiutato di pagare un “balzello”. La vittima, presa a pugni e gomitate in faccia, è stata attaccata dall’uomo – un ragazzo di 28 anni, nel parcheggio comunale degli Emiri, in via Nina Siciliana a Palermo. Il giovane, rientrato per prendere la macchina, ha trovato il posteggiatore ad aspettarlo pronto a riscuotere.

Fermato dai passanti

Minacce di morte, poi rompe il finestrino lato guida dell’auto e comincia a colpire il guidatore.

A fermare l’aggressione l’intervento di alcuni passanti. L’uomo, in fuga, è stato però rintracciato dagli agenti e denunciato per tentata estorsione, danneggiamento e violazione del Daspo urbano. Il 28enne aveva già ricevuto un divieto emesso dal questore, con la quale gli era stato vietato – per la durata due anni, di stazionare e di accedere all’area degli Emiri. La vittima, giunta al Pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia per farsi medicare, ha raccontato i dettagli dell’accaduto ai poliziotti del commissariato “Zisa-Borgo Nuovo” intervenuti nel nosocomio. La vittima presentava ecchimosi ed era molto dolorante.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche