Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Si ferma treno Italo, 500 passeggeri bloccati: 50 gradi nei vagoni
Cronaca

Si ferma treno Italo, 500 passeggeri bloccati: 50 gradi nei vagoni

treno italo blocco

All'interno del convoglio è stata registrata una temperatura interna di 50 gradi.

Uno stop di due ore e mezza in un treno Italo ha causato panico e proteste. 500 persone bloccate sotto il sole e senza aria condizionata. L’incidente è avvenuto in prossimità di Roma, a qualche minuto dall’arrivo del convoglio alla stazione di Termini. Disagi per anziani e bambini, tanti i turisti a bordo: 50 gradi la temperatura interna.

Un incubo lungo due ore

Un incidente che nessuno si aspettava, o per lo meno non così grave. Sul treno Italo 9934, partito da Napoli e diretto a Torino, quello che sembrava un banale blocco si è rivelato un incubo per le 500 persone che viaggiavano al suo interno. Un guasto tecnico alla linea di alimentazione elettrica ferma il treno (ore 13.20) a un quarto d’ora dalla stazione di Termini, Roma, dove doveva giungere alle ore 13.35. Normale disagio? Il convoglio è rimasto bloccato 144 minuti sotto il sole e senza aria condizionata, giungendo a Termini trainato da un rimorchiatore che – dopo alcuni tentativi nulli, è riuscito finalmente ad agganciare il treno.

Malori e panico

Gli addetti di Italo distribuiscono acqua ai passeggeri, ma non basta.

Tanti i disagi a bordo, a cominciare dagli anziani e i bambini. Non si salvano neanche i tanti turisti. Una donna ha una crisi di panico, urla e grida: “Voglio uscire. Mi manca l’aria”. La temperatura interna è stata registrata a 50 gradi. Alla fine il treno è ripartito per Torino con 235 minuti di ritardo, immediato il messaggio di Italo inviato ai viaggiatori: “Siamo sinceramente dispiaciuti per il disagio subito e, anche se il guasto non è imputabile alla nostra compagnia, abbiamo disposto per i passeggeri un indennizzo pari al 100 del costo del biglietto”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche