×

Firenze, getta acqua bollente sul cane del coinquilino

Condividi su Facebook

Una 25enne ha gettato dell'acqua bollente sul cane del suo coinquilino: è stata denunciata.

cane

Era talmente infastidita dalla sua presenza che ha cercato di ucciderlo. A Firenze una ragazza cinese di 25 anni deve rispondere dell’accusa di danneggiamento di animale altrui, dopo che il suo coinquilino l’ha denunciata per aver gettato dell’acqua bollente sul suo cocker nero, mentre si trovava fuori città.

Il gesto della donna

A fine maggio la ragazza, che si trovava da sola in casa, ha iniziato a mandare alcuni messaggi minacciosi al suo coinquilino, tra cui “Se non torni subito a casa, sistemo il tuo animale”. La giovane si era stufata di avere in mezzo ai piedi il coker nero e aveva deciso infine di agire prima del ritorno del proprietario, Quando il ragazzo cinese è tornato nell’appartamento in via Baracca a Firenze, ha fatto una scoperta scioccante.

Il suo cane piangeva a causa del dolore, urinando e defecando nella vasca da bagno. L’uomo lo ha portato subito in una clinica veterinaria: il cocker è stato ricoverato d’urgenza in terapia intensiva a causa di gravi ustioni. Il coinquilino aveva subito sospettato che fosse opera della ragazza e si era recato dai carabinieri. Dopo aver indagato per mesi, i militari e il Nucleo Provinciale Guardie Zoofile hanno scoperto che la 25enne aveva riempito dell’acqua bollente contenuta in una pentola sul cane, dopo averlo posizionato nella vasca da bagno. A distanza di due mesi dal terribile gesto, la donna è stata denunciata con l’accusa di “uccisione o danneggiamento di animali altrui”: rischia dai sei mesi a quattro anni di reclusione in carcere.

Nata a Cagliari, classe 2000, frequenta l'Università Bocconi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per l'Unione Sarda.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Francesca Sofia Cocco

Nata a Cagliari, classe 2000, frequenta l'Università Bocconi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per l'Unione Sarda.

Leggi anche