Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Latina, arrestati due stranieri: violentano una donna e la derubano
Cronaca

Latina, arrestati due stranieri: violentano una donna e la derubano

terracina arresto

La donna è stata violentata, rapinata e scaraventata fuori dalla macchina mentre era in movimento.

Stavano per farla franca il 20enne iracheno e il 30enne egiziano che sono stati arrestati mercoledì 10 luglio 2019 dalla polizia di Latina. I due stranieri richiedenti asilo hanno commesso due gravi reati: rapina e violenza sessuale ai danni di una donna che avevano adescato nella località balneare di Terracina. Tanti i testimoni che hanno confermato la vicenda svoltasi alla periferia sud.

Latina, arrestati due stranieri: la vicenda

I due criminali erano riusciti a convincere due donne a salire a bordo della loro autovettura, dopo una conversazione tranquilla partita col pretesto di una sigaretta. Si erano recati in spiaggia e una delle due donne era giunta in prossimità degli scogli per rinfrescarsi. Uno dei due uomini l’ha seguita e ha cercato di violentarla. La donna è riuscita a scappare ma giunta vicino all’automobile, si è ritrovata l’altro complice. I due uomini hanno allora abusato di lei e le hanno anche dato dei pugni: è riuscita a difendersi con uno spray urticante che ha però scatenato la rabbia di uno dei due.

Dopo altre percosse, la donna è stata scaraventata fuori dalla vettura mentre era in movimento.

Alcuni testimoni hanno poi visto l’automobile fare retromarcia e prendere velocità nel tentativo di investire la donna riuscita a difendersi con uno spray urticante e alla quale intanto gli uomini avevano sottratto la borsetta con il telefono cellulare. Oltre alle parole dei passanti, le telecamere della video sorveglianza sia private che comunali hanno ripreso l’accaduto. I due sono stati successivamente fermati e arrestati mentre tentavano di fuggire dal loro appartamento.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche